Nuove rivelazioni sul meteorite di Tunguska

tunguska-foto.jpgIl corpo cosmico che un secolo fa cadde rovinosamente nella regione di Tunguska, in Siberia, e che abbattè 80 milioni di alberi su una superficie di 830 miglia quadrate, pare non fosse stato poi così grande come si è sempre ritenuto. E l'esplosione che ne scaturì, molto probabilmente, deve aver avuto una potenza devastatrice di 3, 5 megaton e non di 10, 20 come si credeva...

Questa è la conclusione a cui è arrivato un team del Sandia National Laboratory in Albuquerque, New Mexico, il quale, utilizzando una simulazione in 3D con un super computer, ha ricreato il tipo di bolide che potrebbe aver causato l'esplosione del meteorite su Tunguska. Nella simulazione sono stati presi in considerazione la velocità dei venti lungo la topografia del suolo, la posizione e lo stato (la salute) della foresta. Continua a leggere il post su Il Professor Echos.

  • shares
  • Mail