Si placano gli incendi ma in rete infuoca la polemica

cosenza%20incedi.jpg

Resta alto l'allarme incendi in tutta Italia, anche se, almeno per il momento, la situazione sembra essere migliorata, merito probabilmente del leggero calo delle temperature.

In rete, al contrario, le polemiche non si attenuano e il dibattito resta caldo. Desolazione e tristezza per i centinaia di incendi dolosi e per le sue vittime, ma anche parole dure e di condanna nei confronti dei piromani e moltissime critiche in merito al ritardo dei soccorsi.

Professor Echos, si scaglia senza mezzi termini contro i piromani e s'interroga su quali siano gli interessi che si nascondono dietro azioni tanto gravi e vergognose, portando alla luce anche il problema della desertificazione. Sardegna parla della situazione sull'isola, presentando alcuni servizi innovativi per combattere questa crisi.

Embedded segnala che le Forze Armate rendono disponibili uomini e mezzi per supportare l'attività antincendio della Protezione Civile, mentre Comicità, ha parlato d'incendi, delineando il profilo del potenziale piromane in chiave ironica. Tanti altri blogger ne parlano.

canadair%20incendi.jpg

La Coldiretti nel frattempo ha messo punto un vademecum salva boschi, da divulgare, ricco di semplici consigli e piccoli suggerimenti per prevenire gli incendi e contribuire alla difesa del patrimonio forestale nazionale.

1) Evitare di accendere fuochi non solo nelle aree boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze.

2) Nelle aree attrezzate controllare la fiamma, evitando di accendere fuochi in giornate di vento.

3) Prima di andare via verificare non solo che il fuoco sia spento, ma anche che le braci siano fredde.
 
incendi%201.jpg4) Non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall'automobile e verificare che la marmitta dell'automobile non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi.

5) Non abbandonare rifiuti o immondizie nelle zone boscate o in loro prossimità. In particolare, evitate la dispersione nell'ambiente di contenitori sotto pressione (bombolette di gas, deodoranti, vernici, ecc.) che con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente.

6) Se si avvista un incendio non prendere iniziative autonome, ma mantenersi sempre a favore di vento evitando di farsi accerchiare dalle fiamme.

7) Informare Corpo forestale (1515) o Vigili del fuoco (115) o anche Polizia, Carabinieri, Prefettura, Comune.

8) Essere precisi sul luogo dove si è sviluppato l'incendio perché la lotta contro il fuoco è contro il tempo.

9) Un elevato numero degli incendi è opera di piromani o di criminali interessati alla distruzione dei boschi, collaborare con la Forestale e con i corpi di Pubblica sicurezza nella segnalazione di comportamenti sospetti.
 
peschici%20incendi.jpg10) Date il vostro contributo a una corretta informazione sulla prevenzione degli incendi: una cittadinanza più attenta e cosciente permette un maggiore controllo del territorio.

Panorama denuncia che il numero di telefono allestito per le emergenze è sempre occupato, o non raggiungibile e che i siti istituzionali di Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Viminale e altri sono poco aggiornati.

Secondo voi è giusto accanirsi sul ritardo del soccorsi? Se è comprensibile la rabbia di quegli albergatori che hanno visto bruciare il proprio villaggio e di quei turisti che hanno visto andare in fumo i risparmi investiti nelle vacanze, dovrebbe essere altrettanto comprensibile che pochi uomini e pochi mezzi, adibiti all'emergenza incendi, non possono essere contemporaneamente presenti ovunque ci sia bisogno. Se mancano le risorse, non ci si può accanire contro il lavoro e l'efficienza di uomini coraggiosi che stanno facendo del loro meglio. Voi cosa ne pensate?

  • shares
  • Mail