Linfedema: appello a Livia Turco e un incontro col Ministro Santagata

Livia%20Turco%20-%20Ministero%20della%20Salute.jpg

Prosegue vigorosa la campagna di sensibilizzazione pro linfedema e per le sue migliaia di ammalati fantasma. Vi avevamo già parlato dell'intenzione di Franco Forestiere d'inviare una petizione al Ministro della Salute Livia Turco.

Blogosfere, che ha seguito fin dal principio la vicenda (qui potete trovare tutti i post), è felice di comunicarvi che ieri un unico appello è stato inviato al Ministro della Salute da tutta Italia, nella speranza di sollecitare un concreto intervento della Turco. Inoltre il prossimo 14 giugno una delegazione ristretta di persone, composta da Franco Forestiere, dal noto specialista linfologo Sandro Michelini, dall'avvocato Barbara La Bella e dal forumista 45Credocosi, verrà ricevuta dal Ministro Santagata, alla Presidenza del Consiglio.

Speriamo davvero che possa essere la soluzione per la conquista di un diritto che dovrebbe essere di tutti, speriamo che chi ha lottato con determinazione e con coraggio, nonostante le comprensibili difficoltà, possa finalmente raccogliere i frutti di tanta fatica. Nella speranza che il linfedema abbia il riconoscimento che merita e a nome di tutti quelli che attendono speranzosi questo atto di giustizia, Blogosfere si unisce all'appello e tiene le dita incrociate.

Qui di seguito potete leggere la petizione inviata al Ministro Livia Turco: 

"Lo scorso anno, Ella ha rinnovato la commissione ministeriale di studio per il linfedema, già istituita nella precedente legislatura sulla base delle pressanti richieste, formulate, dal prof. Sandro Michelini, chiamando a farne parte medici specialisti in materia, come il prof. Michelini, il prof. Gasbarro, il prof. Campisi ecc, oltre a nominare alcuni componenti nelle persone di tre alti dirigenti del ministero, il Dr. Failla Giacomobono, il dr. Palombi, presidente della commissione e il tecnico ministeriale dr. Gherardini.

linfedema%20manif.jpgDetto tavolo tecnico, dopo avere alacremente e incisivamente affrontato le problematiche correlate alla patologia, ha chiuso i suoi lavori nel novembre del 2006, elaborando quelle linee guida per il linfedema, che dovevano essere fatte proprie dal Ministero, tradotte in normative, che doveva poi emanare e dare le opportune direttive alle Regioni e alle AA.SS.LL.

Sono ormai trascorsi sei mesi dalla chiusura dei lavori della Commissione e il provvedimento sulle linee guida per il linfedema tarda ad essere emanato. Probabilmente per fattori oggettivi di complessità della materia oggetto di trattazione e perché, a quanto ci è dato sapere, l'incredibile mole di lavoro e di problematiche che gravano sul Ministero della Salute, renderebbero, di fatto, insufficienti le risorse tecniche ed umane in atto disponibili.

Per converso, i molteplici disagi patologici dei pazienti di linfedema, associati alle difficoltà logistiche, derivanti dalla mancanza di strutture di riferimento per diagnosi e cura, limitati a pochissimi presidi nell'area del centro-nord Italia, rendono la situazione sempre più drammatica e diventa sempre più frequente il dover registrare appelli di vera e propria disperazione, da parte di chi non sa più a che santo votarsi, nel trovare risposte idonee ed efficaci per la cura del proprio stato patologico.

speranza.jpg

A mio modestissimo avviso, nella consapevolezza che da parte dei medici specialisti in materia e da parte dei funzionari del Ministero, deputati all'elaborazione ed emanazione delle normative per le linee guida del linfedema, è stato operato ed attivato tutto quanto era umanamente possibile fare, non ci resta che appellarci alla Sua sensibilità, Sig.ra Ministra Turco. Affinché predisponga i provvedimenti che il caso richiede, per una sollecita emanazione di queste benedette linee guida, mai così tanto agognate, la cui attuazione garantirebbe i livelli essenziali di assistenza per questa bistrattata categoria di ammalati a tutt'oggi priva di qualsiasi tutela della sua salute.

La prego, Signora Ministra, a nome di migliaia di ammalati di linfedema, che attendono speranzosi questo atto di mera giustizia e di pari opportunità tra patologie, conceda anche a noi la possibilità di poter aspirare ed ottenere le giuste e idonee cure che la patologia richiede.

Le sono profondamente grato per l'attenzione che vorrà prestare al presente appello e, nel ringraziarLa, Le porgo i miei migliori saluti".

Restate collegati vi daremo al più presto, ulteriori aggiornamenti.

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: