Emergenza rifiuti in Campania: intervista a Greenpeace e ad una blogger

Torniamo a parlare dell'emergenza rifiuti in Campania. A Napoli la situazione si fa sempre più scottante, e con le tonnellate di rifiuti abbandonati per la strada, con i cassonetti che vengono dati quotidianamente alle fiamme, e con la crisi sanitaria, si è ormai superata la soglia di tolleranza.

satiricon.jpg

Sulla questione sono intervenute le massime istituzioni dello Stato e sono molti i provvedimenti che vengono presi in considerazione. Guido Bertolaso, commissario di governo per l'emergenza rifiuti, parla di riaprire alcune vecchie discariche Campane, così da individuare siti dove effettuare stoccaggi provvisori. Ma potrebbe anche non essere questa la soluzione, sembra infatti che si sia raggiunta un'intesa con una località del Nord Italia. C'è la probabilità dunque che tonnellate di rifiuti finiscano in siti di stoccaggio e inceneritori della Lombardia.

spazzatura%20napoli.jpg

Abbiamo contatto Viviana Hutter, curatrice di Grand Tour, che abitando a Napoli ha potuto darci una concreta testimonianza di come stanno effettivamente le cose. "Innanzitutto è necessario fare un distinguo, i rifiuti non sono esattamente ovunque, anche se è vero che in alcune zone, quelle più degradate, si ha davvero la sensazione di essere sommersi dai rifiuti. Diventa difficile persino portare a termine le azioni più banali, come ad esempio parcheggiare, ed inoltre il gran caldo di questi giorni esaspera il terribile odore della spazzatura. La situazione è concretamente disarmante, anche se in proporzioni inferiori, si verifica ogni anno, proprio a maggio. Per quanto riguarda il discorso smaltimento, i pareri sono controversi. È necessario intervenire. Girano voci che per l'emergenza riaprano la discarica del Vesuvio, non nego che la cosa mi preoccupa un po', considerato che il Parco Nazionale del Vesuvio è zona protetta".

Gianluca Riccio, curatore di Futuro Prossimo, ha intervistato Vittoria Polidori, Responsabile della Campagna Inquinamento di Greenpeace. Di qui a cinque anni come interverrà lo Stato per risolvere la situazione? Quale sarà il futuro dello smaltimento rifiuti? C'è una soluzione immediata per tamponare l'emergenza? Per conoscere tutte le risposte, leggete l'intervista su Futuro Prossimo.

La vignetta sull'emergenza rifiuti è di Mario Natangelo, curatore di Satiricon.

  • shares
  • Mail