I benefici della telemedicina durante la pandemia di Covid-19

Un nuovo studio rivela quali sono i vantaggi della telemedicina per i pazienti che soffrono di diabete di tipo 1, durante questa pandemia di Covid-19.

telemedicina

Per alcuni pazienti che soffrono di diabete di tipo 1 un attento monitoraggio delle condizioni di salute mediante protocolli di telemedicina potrebbe portare ad ottenere delle cure migliori durante la pandemia di COVID-19. In questo triste periodo che sta segnando la storia del mondo, i pazienti stanno infatti evitando di sottoporsi a delle visite di controllo di persona, per non correre il rischio di essere contagiati dal coronavirus.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Diabetes Technology & Therapeutics, rivela però che il monitoraggio tramite telemedicina potrebbe aiutare a evitare i ricoveri dei pazienti con diabete per condizioni gravi come la chetoacidosi diabetica.

Per il loro studio, gli autori hanno preso in esame due pazienti con diabete di tipo 1, i quali sono stati curati in casa mediante la telemedicina e mediante un monitoraggio continuo del glucosio (CGM). Ebbene, secondo gli autori, grazie alla teleassistenza entrambi i pazienti hanno potuto tenere sotto controllo i livelli di glucosio, evitando così l'ammissione in ospedale e un conseguente ricovero.

La pandemia di COVID-19 ha comportato dei drastici cambiamenti nella fornitura di assistenza sanitaria anche in situazioni acute come la chetoacidosi diabetica tramite la telemedicina,

hanno spiegato gli autori dello studio, i quali concludono che la telemedicina potrebbe dunque permettere di ottenere risultati soddisfacenti per la salvaguardia della salute dei pazienti, evitando che questi ultimi debbano andare incontro a eventuale un ricovero in ospedale.

via | Eurekalert
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

  • shares
  • Mail