Coronavirus: come smaltire i rifiuti domestici se si è positivi o in quarantena

La raccolta differenziata va in stand-by se si è in quarantena fiduciaria o si sa si essere positivi al Coronavirus, lo dice l'Istituto Superiore di Sanità italiano

Coronavirus raccolta rifiuti

Il Coronavirus COVID-19 sta cambiando letteralmente la nostra quotidianità, tenendoci di più in casa per la sicurezza nostra e dei nostri cari, ma anche facendoci sorgere molti dubbi su quello che possiamo/dobbiamo fare in alcune circostanze. Di sicuro lo smaltimento dei rifiuti domestici non è la prima cosa che ci viene in mente, eppure seguire le indicazioni dell'Istituto Superiore di Sanità ci aiuta a limitare i rischi anche in questo caso.

L'Iss ha infatti disposto una serie di buone pratiche per chi è risultato positivo al Coronavirus o si trova in una condizione di quarantena fiduciaria, perché si trova o ha sostato in zone rosse. In questi casi la raccolta differenziata non va effettuata come di consueto, in quanto i materiali toccati potrebbero essere potenzialmente infetti.

Queste le indicazioni dell'Istituto Superiore di Sanità in caso di positività al virus o in quarantena per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti:


  • I rifiuti domestici non vanno differenziati

  • Si devono utilizzare due o tre sacchetti resistenti, meglio se inseriti uno dentro l'altro all'interno del contenitore con coperchio dell'indifferenziata

  • Tutti i rifiuti, siano essi plastica, metallo o organico vanno gettati nell'indifferenziata

  • Fazzolettini da naso, tovaglioli, rotoli di carta, mascherine usate e guanti usati vanno gettati nell'indifferenziata

  • Per chiudere i sacchetti usare dei guanti di lattice monouso e sigillare con i lacci del sacco stesso o con del nastro adesivo

  • Dopo aver chiuso i sacchetti gettare i guanti usati in un'altra busta per la raccolta indifferenziata

  • Lavarsi le mani subito dopo questa operazione

  • I rifiuti vanno smaltiti in modo regolare come si farebbe con i sacchi dell'indifferenziata

  • Gli animali non devono avere accesso ai locali domestici della raccolta rifiuti

Queste direttive, come detto, sono indirizzate esclusivamente ai cittadini che sono risultati positivi al Coronavirus COVID-19 o si trovano in quarantena per sospetto contagio. Tutti gli altri eseguiranno invece la raccolta differenziata come di consueto.

In ogni caso, anche se non si è positivi al Coronavirus, ma si è comunque raffreddati o influenzati, è bene ricordare che i fazzoletti usati e il materiale medico quali mascherine e guanti adoperati, vanno sempre gettati nel sacco dell'indifferenziata.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail