Coronavirus, i sintomi iniziali

Quali sono i sintomi iniziali del Coronavirus? Ecco la spiegazione dell'Istituto Superiore di Sanità.

sintomi iniziali del Coronavirus

Leggi qui gli aggiornamenti in tempo reale sull'epidemia di Coronavirus in Italia.

Quali sono i sintomi iniziali del Coronavirus? L'Istituto Superiore di Sanità in una nota resa pubblica sul suo sito il 7 marzo vuole fare chiarezza, per aiutare tutti i cittadini italiani a essere responsabili in questo momento. Non dobbiamo uscire di casa se non è strettamente necessario. E bisogna chiamare subito il medico curante nel caso in cui compaiano i primi sintomi del COVID-19.

L'ISS ha condotto un'analisi sui dati dei 155 pazienti italiani deceduti al 6 marzo 2020, aggiornando di fatto quella che era stata condotta precedentemente e resa nota il 5 marzo su 105 casi di pazienti risultati positivi al COVID-19.

Secondo quanto riportato dall'Istituto Superiore di Sanità, nei pazienti positivi al nuovo coronavirus i sintomi iniziali più frequenti sono stati febbre e dispnea (che significa difficolatà a respirare). Febbre e dispnea sono presenti come sintomo di esordio nell'86% e nell'82% dei casi posti sotto esame. Anche la tosse secca è uno di questi sintomi (riscontrato nel 50% dei casi presi in analisi) Altri sintomi meno comuni, invece, sono quelli gastrointestinali, come la diarrea, e l'emottisi, l'emissione di sangue dalle vie respiratorie ad esempio quando si tossisce (5% per entrambi).

Silvio Brusaferro, presidente dell’Iss, spiega:

Questi dati suggeriscono che per chi presenta solo febbre è sufficiente allertare il proprio medico rimanendo a casa, mentre in presenza di entrambi i sintomi è meglio contattare il 112 o 118. In ogni caso ricordiamo che bisogna assolutamente evitare di andare per proprio conto dal medico o al pronto soccorso, per evitare di esporre il personale e i pazienti a rischi. Seguire questa e tutte le altre norme di prevenzione dettate in questi giorni è fondamentale per rallentare il più possibile l’epidemia e proteggere le persone più fragili. Le misure individuali di limitazione dei contatti sociali sono fondamentali per poter contrastare il virus, facciamo appello al senso di responsabilità di tutti.

Foto iStock

Via | Istituto Superiore di Sanità

  • shares
  • Mail