Coronavirus: isolato il ceppo italiano all'ospedale Sacco di Milano

Nelle scorse ore è stato isolato il ceppo italiano del coronavirus. Ecco cosa significa e quali sono le implicazioni di questa scoperta.

Coronavirus ceppo italiano

Aggiornamenti in tempo reale sull'epidemia di Coronavirus in Italia.

Nelle scorse ore i ricercatori dell'ospedale Sacco di Milano hanno isolato il ceppo italiano del coronavirus. Ma cosa significa esattamente? E quali sono le implicazioni di questo traguardo? Isolando il ceppo italiano del virus, i ricercatori avranno in sostanza la possibilità di seguire le sequenze molecolari e “tracciare ogni singolo virus per capire cos'è successo, come ha fatto a circolare e in quanto tempo".

A spiegarlo è Massimo Galli, ordinario di Malattie infettive all'Università degli Studi di Milano e primario del reparto di Malattie infettive III, che aggiunge che il passo successivo sarà adesso quello di studiare lo sviluppo di anticorpi e di vaccini e trattamenti ad hoc per curare la malattia causata dal nuovo coronavirus.

Il virus sarebbe stato isolato in quattro pazienti di Codogno risultati positivi al coronavirus, come spiega l’infettivologo, aggiungendo che si tratta del coronavirus sviluppato in maniera autoctona in Italia, i cui studi saranno messi adesso a disposizione della comunità scientifica per ulteriori analisi e approfondimenti.

E' un traguardo importante in quanto significa essere riusciti a estrarre il virus dal campione biologico dal quale è stato prelevato, dal muco o dal sangue per esempio: è il primo passo per poterlo moltiplicare e studiare nel dettaglio, a esempio per ottenere la sua sequenza genetica.

A partire da questo momento potranno dunque essere riprodotti in laboratorio dei frammenti utili per preparare farmaci e vaccini per combattere la malattia che sta destando preoccupazione in tutto il mondo.

Ma qual è la differenza fra questo ceppo e quello isolato poche settimane fa all’istituto romano dello Spallanzani? Secondo gli esperti, in quel caso il virus isolato era associato alla coppia di cinesi contagiata in Cina, quindi si trattava di un virus che era già stato isolato dai cinesi e che si era diffuso in quella zona. In questo caso invece il virus presenta delle caratteristiche distinte, poiché è autoctono, ovvero si è sviluppato in Italia, ed ha dunque delle sue caratteristiche, "legate allo sviluppo in ogni singolo paziente".

via | Giornalettismo, Ansa
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail