Coronavirus, isolato il virus allo Spallanzani di Roma: le parole del ministro Speranza

Coronavirus, isolato il virus allo Spallanzani di Roma: ecco l'annuncio del ministro Speranza.

Coronavirus Spallanzani Roma

Coronavirus, isolato il virus allo Spallanzani di Roma. Il 2 febbraio 2020 in una conferenza stampa presso l'ospedale romano l'annuncio è stato fatto dal ministro della Salute Roberto Speranza, sottolineando che i dati scoperti saranno messi a disposizione della comunità internazionale.

Aver isolato il virus significa molte opportunità di poterlo studiare, capire e verificare meglio cosa si può fare per bloccare la diffusione. Sarà messo a disposizione di tutta la comunità internazionale. Ora sarà più facile trattarlo.

Alle parole del ministro della salute Roberto Speranza, si aggiungono quelle del direttore scientifico dell'Istituto Spallanzani Giuseppe Ippolito durante la conferenza stampa:

Ora i dati saranno a disposizione della comunità internazionale. Si aprono spazi per nuovi test di diagnosi e vaccini. L'Italia diventa interlocutore di riferimento per questa ricerca.

Maria Capobianchi, direttrice del laboratorio di Virologia dell’Inmi Spallanzani che ha guidato il team di ricercatori che ha isolato per primo il virus, spiega:

Adesso sarà più semplice trovare un vaccino per il coronavirus, la coltivazione del virus è un fatto fondamentale per qualsiasi allestimento credibile di presidi e nuove strategie. Avere a disposizione il virus significa partire da una buona base.

Reso noto oggi anche il terzo bollettino medico della coppia ricoverata sempre allo Spallanzani di Roma, risultata positiva al test: sono sempre in discrete condizioni, mentre molti dei pazienti ricoverati perché hanno avuto contatti con loro sono già stati dimessi. Qui tutti gli aggiornamenti sui due casi di Coronavirus ricoverati allo Spallanzani di Roma.

Per quello che riguarda gli italiani bloccati a Wuhan, sono già stati trasportati con un autobus all'aeroporto internazionale della città cinese. Partiranno a bordo di un aereo approntato dall'Unità di Crisi della Farnesina, che permetterà il loro rimpatrio in tutta sicurezza. Mentre in Italia continuano le misure di sicurezza per limitare diffusione e contagi: controlli in aeroporto, chiusura dei voli, controlli nei porti per quello che riguarda il trasporto di passeggeri, mentre restrizioni meno severe per il trasporto di merci e nessuna chiusura delle frontiere.

Via | Ansa

  • shares
  • Mail