Detrazioni farmaci 2020: 5 cose da sapere

Cambiano le norme per la detrazione farmaci e le spese sanitarie 2020: ecco a cosa fare attenzione.

Detrazione spese sanitarie

Attenzione: per quanto riguarda le spese sanitarie 2020 cambiano le modalità per ottenere la detrazione. Riassumendo molto: per detrarre i farmaci si può continuare a pagare in contanti in farmacia. Per detrarre, invece, le spese mediche relative a visite e affini, bisognerà pagare con metodi tracciabili (bancomat, bonifico...). Intendiamoci: è sempre possibile pagare in contanti le visite, ma in questo caso, anche presentando annessa fattura, non vi verrà data la possibilità di scaricare.

Ricordatevi che tutto ciò vale sia per la medicina umana che per quella veterinaria. Anche quando dovrete pagare visite, esami o chirurgie dal vostro veterinario, se pagherete con contanti non potrete scaricare (anche in presenza di fattura), mentre per scaricare le spese veterinarie dovrete pagare sempre con metodi tracciabili. Anche qui vale il discorso che non è vietato pagare in contanti, ma solamente che, così facendo, non potrete scaricare.

Intanto ecco 5 cose da ricordarsi per poter detrarre le spese sanitarie 2020:

  1. i farmaci possono essere pagati in contanti
  2. visite, esami, ricoveri, chirurgie e spese veterinarie devono essere pagate tramite mezzi tracciabili
  3. la percentuale di detrazione rimane fissa al 19%
  4. rimane anche fissa la franchigia di 129, 11 euro al di sotto della quale non si può detrarre
  5. tenete tutto: scontrini, ricevute, fatture, ricevute dei pagamenti e documenti che attestano gli addebiti perché ancora non è dato sapere quale di questi strumenti verrà richiesto per poter detrarre

Detrazione spese sanitarie 2020: come fare?

Per poter detrarre le spese sanitarie 2020, per quanto riguarda visite, esami, sedute di fisioterapie, ricoveri, interventi chirurgici e affini, dovrete pagare con mezzi tracciabili:

  • bancomat
  • carta di credito
  • carte prepagate
  • bonifico bancario
  • bonifico postale
  • assegno

Solo se pagherete usando questi sistemi potrete detrarre le spese. Pagando in contanti, invece, non potrete detrarre. Ma ci sono delle eccezioni. Potrete detrarre le spese pagando in contanti solamente in queste situazioni:

  • farmaci acquistati in farmacia o parafarmacia
  • dispositivi medici
  • prestazioni sanitarie pubbliche
  • prestazioni sanitarie private, ma accreditate dal Servizio Sanitario Nazionale

Per quanto riguarda il bonus, rimane fisso quello del 19% a fronte della solita franchigia di 129,11 euro.

Quali documenti tenere?

Visto che come al solito siamo in Italia e prima vengono rese effettive le leggi e solo poi dopo viene fatto sapere come ottemperarle, per essere sicuri di poter detrarre le spese mediche, oltre al pagamento con metodi tracciabili, conviene tenere da parte questi documenti da presentare al commercialista quando dovrete fare il 730 o l'Unico:

  • scontrino, ricevuta o fattura
  • ricevute dei bonifici
  • ricevute dei pagamenti tramite carte o bancomat
  • documento che attesta l'addebito sul conto corrente

Questo almeno fino a quando l'Agenzia delle Entrare non fornirà ulteriori dettagli.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail