Escherichia coli e infarto: esiste un legame

Infarto ed Escherichia coli: secondo un nuovo studio esiste un legame.

infarto

Esiste un legame tra infarto e la presenza di un batterio dell'intestino, ovvero l’Escherichia coli. A quanto sembra, il batterio sarebbe infatti presente nel sangue dei pazienti che hanno avuto un infarto, e sarebbe presente anche nell'arteria ostruita che provoca questo evento cardiovascolare.

A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sulle pagine dell’European Heart Journal, i cui autori ritengono che le loro scoperte potrebbero portare alla realizzazione di farmaci specifici e di un vaccino per prevenire il rischio di infarto.

Siamo partiti dall'intuizione che alcuni batteri intestinali potessero avere un ruolo nello sviluppo dell'infarto; da qui abbiamo avviato uno studio che è durato oltre 4 anni e scoperto che i pazienti con infarto acuto presentavano alterazioni della permeabilità intestinale e contemporaneamente il batterio E. coli nel sangue e nel trombo. La nostra scoperta è coerente con quella di altri ricercatori in Usa che hanno trovato diversi batteri intestinali nel sangue di pazienti infartuati

hanno fatto sapere gli autori dello studio in un’intervista rilasciata all’Ansa.

Per giungere a queste conclusioni, gli autori hanno analizzato un campione di 150 persone (50 con infarto in atto, 50 cardiopatiche ma che non avevano un infarto e 50 persone sane). Esaminando i dati gli esperti hanno riscontrato la presenza di E. coli solo nel sangue dei pazienti che erano giunti in ospedale con un infarto.

Studi futuri saranno necessari adesso per comprendere come realizzare dei rimedi d’urgenza per l’infarto e per creare un vaccino specifico contro E.coli che possa aiutare a prevenire questo evento.

via | Ansa
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail