Psicologia: l’importanza del “self talk” positivo

Il self talk positivo è davvero importante per i bambini: ecco perché.

Self Talk positivo

I bambini con una bassa autostima e che pensano di non poter essere bravi a scuola possono trarre grandi benefici dal cosiddetto “self talk” positivo.

Lo conferma il nuovo studio pubblicato sulle pagine della rivista Child Development, i cui autori hanno verificato se una semplice attività mentale (fare in modo che i bambini con una scarsa autostima rivolgano parole incoraggianti a se stessi) potrebbe migliorare i risultati ottenuti.

Ebbene, lo studio ha scoperto che i bambini che si sono impegnati in questo tipo di conversazioni presentano un miglioramento nello svolgimento di esercizi matematici quando il self talk è incentrato sullo sforzo, ma non sull'abilità.

Ai genitori e agli insegnanti viene spesso consigliato di incoraggiare i bambini a ripetere affermazioni positive durante i momenti stressanti, come quando sostengono degli esami accademici. Fino ad ora però non sapevamo se questo avrebbe migliorato davvero i risultati dei bambini. Abbiamo scoperto che i bambini con scarsa autostima possono migliorare le loro prestazioni attraverso il dialogo interiore focalizzato sullo sforzo, una strategia di autoregolazione che i bambini possono mettere in pratica da soli ogni giorno.



Per il loro studio gli esperti hanno esaminato un campione di 212 bambini di età compresa tra 9 e 13 anni, ed hanno chiesto loro di svolgere un test di matematica. Giunti alla prima metà del test, i bambini sono stati invitati a parlare con se stessi, incentrando il discorso sullo sforzo ("Farò del mio meglio!"), sull'abilità ("Sono molto bravo"). Un terzo gruppo di bambini non ha fatto alcun discorso interiore. Ebbene, i partecipanti che avevano preso parte al dialogo interiore focalizzato sullo sforzo hanno ottenuto migliori risultati nella seconda metà del test di matematica, contrariamente a quanto accaduto per i bambini che non avevano parlato con se stessi e per quelli che si erano concentrati sulle proprie abilità.

I benefici del dialogo interiore sono stati particolarmente pronunciati tra i bambini che hanno idee negative in merito alle proprie competenze. Al contrario, i bambini che si sono impegnati in conversazioni personali focalizzate sull'abilità non hanno migliorato i loro punteggi in matematica, indipendentemente dalle convinzioni in merito alla loro competenza.

via | Eurekalert

Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail