Grecia, bambino muore di difterite: primo caso nel paese dagli anni '70

In Grecia un bambino è morto a causa della difterite. Non si registravano casi nel paese dagli anni '70.

difterite

In Grecia un bambino di 8 anni è morto a causa della difterite. Nel paese non si registravano casi autoctoni dagli anni '70. Da più di 40 anni non si aveva notizie di pazienti malati. Oggi la malattia è tornata a far paura, in seguito alla morte di un bambino, come riportato dai media locali e come confermato nell'ultimo report dell'European Center for Disease Control (Ecdc).

In Grecia, infatti, l'ultimo caso di difterite importato risale al 1994. Mentre l'ultimo caso autoctono che ha causato la morte del paziente risale agli anni Settanta. L'ECDC nel suo ultimo rapporto scrive: "La malattia in un individuo completamente vaccinato è molto rara. Tuttavia la difterite è stata causa della morte di diversi bambini non vaccinati in Europa negli anni recenti".

Secondo quanto riportato dalla stampa locale, il bambino di 8 anni è stato portato in condizioni molto gravi all'ospedale pediatrico di Atene. Pochi giorni dopo il ricovero nel reparto di terapia intensiva, purtroppo, il piccolo paziente è morto. I medici non hanno potuto fare niente per salvargli la vita. La notizia che il bambino non aveva il vaccino per la difterite non è stata mai confermato da fonti ufficiali dell'ospedale.

Difterite in Europa e in Italia

La difterite purtroppo torna a far parlare di se, nonostante il vaccino per la difterite sia tra quelli che di solito vengono proposti ai bambini. Sia in Europa sia in Italia è tornata a contagiare. Nel nostro paese uno degli ultimi casi risale al 2016, quando un paziente aveva contratto il batterio della malattia infettiva, il Corynebacterium diphtheriae, senza però ammalarsi. Il calo delle vaccinazioni può causare un forte ritorno della patologia, che causa problemi ai tessuti e agli organi così gravi da provocarne la distruzione. Il batterio si trasmette tramite via respiratoria o per il contatto con oggetti contaminati e ferite infette.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail