Polmonite da piumino: prima diagnosi in Scozia

In Scozia è stato diagnosticato il primo caso di polmonite da piumino. Ecco di cosa si tratta.

Polmonite da piumino

In Scozia, i medici dell'Aberdeen Royal Infirmary hanno recentemente segnalato il primo caso di polmonite da piumino, ovvero un’infiammazione polmonare provocata dall'inalazione della polvere che si annida sulle piume dell’imbottitura di coperte e cuscini.

La diagnosi è arrivata dopo che un paziente di 43 anni e non fumatore è giunto dai medici con sintomi come sudorazione notturna, tosse secca e respiro corto (al punto tale che gli impediva di svolgere le normali attività quotidiane). Il paziente presentava valori del sangue normali, e lo stesso vale per l'esito della radiografia al torace, ma continuava comunque ad avere gravi problemi respiratori.

Dopo la visita specialistica, i medici hanno scoperto che l’uomo aveva recentemente smesso di usare la biancheria da letto sintetica e aveva optato per quella con le piume. Dai test è emerso che l'uomo presentava livelli di anticorpi alti verso particolari proteine degli uccelli, e presentava inoltre segni nei polmoni che suggerivano la presenza di una polmonite da ipersensibilità.

Dopo aver eliminato la biancheria da letto in piume, le condizioni del paziente sono nettamente migliorate, e nell’arco di sei mesi l’uomo si è ripreso completamente, naturalmente anche grazie alla cura farmacologica. Gli autori dell’articolo pubblicato sulle pagine del BMJ Case Reports hanno spiegato che, naturalmente, non è necessario gettare via cuscini e piumoni, ma bisognerà semplicemente osservare l’eventuale presenza di problemi respiratori quando si passa dalla biancheria da letto sintetica a quella fatta con le piume, e in tal caso, consultare il medico per correre ai ripari.

via | Agi
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail