Ascite, sintomi e cure

Ascite, quali sono i sintomi di questa malattia e quali le possibili cure che possiamo sfruttare?

ascite sintomi

Sintomi dell'ascite: come riconoscere questa condizione? L'ascite è una raccolta di liquido nella cavità addominali. Il liquido è normalmente normale nella cavità addominale. La sua presenza garantisce il mancato attrito tra organi interni o tra gli organi e la parete addominale.

Se i liquidi sono presenti in quantità inferiori ai 30 millilitri non ci sono problemi. Ma se le quantità sono maggiori si potrebbe soffrire di altre malattie a carico ad esempio del fegato o del cuore. Chi ne soffre nell'80% dei casi ha una malattia al fegato, come la cirrosi. Ma si parla anche di epatite virale, epatopatia alcolica. Senza dimenticare altre malattie come insufficienza cardiaca, infarto, tubercolosi, sindrome di Budd-Chiari.

Sintomi dell'ascite

Come si presenta l'ascite? Se la condizione si presenta in forma lieve, il paziente potrebbe non notare nessun segnale. Nelle forme invece più gravi possiamo notare dolore e gonfiore a livello addominale, stanchezza eccessiva, perdita di appetito, perdita di peso, dispnea con difficoltà a respirare.

La complicanza più frequente dell'ascite è la peritonite batterica spontanea, un'infezione batterica che è provocata proprio dai liquidi che si accumulano nell'addome. In questi casi i sintomi sono, oltre al dolore addominale, anche la febbre, la nausea e il vomito.

Come si cura

Per curare l'ascite bisogna ridurre il sale negli alimenti, per evitare l'insorgenza di ritenzione dei liquidi. Il medico potrebbe suggerire il ricorso a diuretici. Nei casi più gravi, nei quali il trattamento farmacologico non ha funzionato, si potrebbe dover ricorrere a paracentesi, aspirazione dei liquidi in ambulatorio.

Prevenire è dunqe fondamentale. Bisogna seguire uno stile di vita sano, con un'alimentazione varia ed equilibrata (frutta, verdura, cereali integrali, evitando alcolici) e attività fisica adeguata.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail