Si può far passare l'influenza in un giorno?

Non è possibile far passare l'influenza in un solo giorno. E se passa, allora non era influenza.

Influenza

Far passare l'influenza in un giorno è impossibile. Il virus dell'influenza ha un decorso di circa 4-7 giorni, con una fase di incubazione di 1-3 giorni. Il virus farà comunque il suo decorso, nonostante tutte le terapie che possiamo adottare. Le terapie, infatti, servono per alleviare i sintomi come febbre, mal di gola e tosse, ma non possono accorciare la durata della malattia. Se si pensa di avere l'influenza e questa passa in un giorno solo, allora non era influenza, ma un'altra forma virale.

Far passare l'influenza in un giorno? Non si può

Il rischio di chi pensa di far passare l'influenza in un giorno imbottendosi di antipiretici e antinfiammatori è di incorrere in ricadute o sviluppare complicanze gravi come la polmonite. Quello che succede è questo: compaiono i sintomi dell'influenza, si prendono antipiretici e antinfiammatori, si riesce ad uscire di casa per andare a lavorare, ma appena finisce l'effetto dei farmaci, ecco che i sintomi si scatenano. E questo perché il virus sta ancora agendo.

Il modo migliore per far passare l'influenza velocemente è mettersi a letto ai primi sintomi e aspettare di essere sfebbrati senza l'ausilio degli antipiretici prima di tornare al lavoro. Inoltre anche gli altri sintomi come mal di testa, mal di gola, nausea, vomito, diarrea o dolore muscolare devono essere passati. Gli unici due sintomi che tendono a persistere più a lungo sono il senso di spossatezza e la tosse.

A proposito della tosse: se si ha una tosse grassa con difficoltà a respirare e intensa astenia, bisognerebbe contattare subito il medico perché potrebbe essere sopraggiunta una forma di polmonite secondaria. Idem dicasi per chi si ostina a fare l'eroe e ad andare a lavorare nonostante febbre e una tosse intensa: per non saltare quei due giorni di lavoro, rischiate poi di stare a casa per mesi per via della polmonite.

Cercate di rimanere a casa e riposare, in modo da dare il tempo all'organismo di contrastare la malattia e riprendersi dall'azione del virus. Anche perché bisogna ricordarsi che si rischia anche di contagiare tutti gli altri. State al caldo, bevete molti liquidi per contrastare la disidratazione, consumate più frutta e verdura e usate i vari farmaci sintomatici prescritti dal medico a seconda di come si manifesta l'influenza.

Farmaci per l'influenza

I farmaci per l'influenza classici, quelli sintomatici, sono:

  • antipiretici: servono a diminuire la febbre
  • antidolorifici: servono a ridurre il dolore provocato dal mal di testa e dolori muscolari/articolari
  • antinfiammatori: utili in caso di infiammazione alle vie aeree
  • antiemetici: da usare in caso di nausea o vomito
  • antidiarroici: fermenti lattici, adsorbenti intestinali, farmaci per regolare la motilità intestinale si usano in caso di presenza di diarrea
  • antitussigeni: da usare in caso di tosse. Sono diversi a seconda che la tosse sia secca o grassa
  • antistaminici: si utilizzano per ridurre i sintomi da raffreddore in alcuni casi
  • antivirali: da usare solo in casi gravi e con certi ceppi virali

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail