Sertralina: a cosa serve ed effetti collaterali

I farmaci a base di sertralina servano per curare i disturbi depressivi e di ansia. Sono però medicinali con numerosi effetti collaterali.

Sertralina è un principio attivo, che si usa per i medicinali denominati Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina (SSRI) e servono per trattare la depressione e o i disturbi d'ansia, la sindrome da stress post traumatico, gli attacchi di panico e il disturbo ossessivo-compulsivo.

I farmaci che contengono sertralina devono essere prescritti dal medico e non devono essere assunti in concomitanza a IMAO (inibitori delle monoamino ossidasi, come la moclobemide o la selegilina) a causa dei gravi effetti collaterali che possono insorgere. È importante anche evitare i prodotti che contengono l’Erba di San Giovanni (o Iperico, una pianta avente proprietà antidepressive), i Tca (antidepressivi triciclici), la cimetidina (un farmaco impiegato nel trattamento dell'ulcera gastrica), gli anticoagulanti, i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), i farmaci a base acido acetilsalicilico e suoi derivati.

E non è tutto, anche prendere sertralina in contemporanea a fenitoina (che si usa per la cura dell’epilessia) può essere pericoloso perché può una diminuzione della concentrazione plasmatica di quest'ultima, favorendo in questo modo la comparsa di crisi convulsive. Attenzione anche al litio.

La sertralina ha diversi effetti collaterali: può influenzare la capacità di guidare veicoli o di utilizzare macchinari. Potrebbe inoltre provocare nausea, vomito, diarrea, problemi di stomaco, capogiri, tremori, mancanza di attenzione e può favorire convulsioni. Può inoltre dare insonnia, nervosismo, allucinazioni e manie, ma anche paranoia, aggressività, stimolare la produzione di urina, disfunzioni sessuali, difficoltà respiratorie, e molto altro.

Via | My_personaltrainer

  • shares
  • Mail