Escherichia coli, come si cura e la prevenzione

Come si contrae l’Escherichia coli, quali sono i sintomi e la cura e soprattutto come si può prevenire.

L'Escherichia coli, che si può trovare scritto anche abbreviato come E. Coli, è batterio gram-negativo molto diffuso ed è noto per causare infezioni intestinali, che possono provocare dolori addominali, crampi e diarrea. Si tratta di microrganismo appartenente agli enterobatteri (famiglia Enterobacteriaceae). In realtà non è sempre “pericolosi”. La famiglia degli E. coli è davvero ambia e la maggior parte dei batteri è innocui.

Come si cura in caso di infezione? L’E. coli, purtroppo, oltre alla classica infezione intestinale, può provocare diverse malattie. Risalendo le vie urinarie, potrebbe essere causa di uretrite, cistite, prostatite e pielonefrite, così come potrebbe essere la causa di infezioni extra intestinali, come infezioni biliari, ascessi, meningite, polmonite e peritonite.

L'infezione gastroenterica da E. coli si manifesta generalmente con sintomi lievi e si risolve nel giro di 4-10 giorni. In linea di massima, trattandosi di malattia di origine batterica è necessario assumere una terapia antibiotica, anche se non sistematicamente prescritta, perché talvolta potrebbe favorire il rilascio della tossina con peggioramento delle condizioni del paziente. È dunque importante avere paziente, idratarsi e riposare.

Come si previene?

È importante evitare di entrare in contatto con l’E. coli, quindi bisogna fare attenzione all’igiene, lavarsi le mani, evitare di toccare la carne cruda, entrare in contatto con animali (a parte i propri domestici). Ricordate di bere solo acqua potabile, evitando di bere acque proveniente da laghi, ruscelli o anche piscina. Importante anche evitare il ghiaccio e di lavarsi i denti con l’acqua del rubinetto se si è in paesi esotici.

Non consumare prodotti non pastorizzati, lavare molto bene la frutta e la verdura con acqua potabile e magari con del bicarbonato. Inoltre, la carne deve essere cotta almeno per 2 minuti a 70 gradi. Inoltre, si consiglia di evitare di trattenere a lungo l’urina e di fare molta attenzione all’igiene intima, soprattutto durante il periodo mestruale e prima e dopo i rapporti sessuali.

  • shares
  • Mail