Morire dal ridere è davvero possibile?

Morire dal ridere è davvero possibile? Ecco la risposta a questa curiosa domanda.

Morire dal ridere

Ridere fa bene al cuore, all’anima e anche alla nostra salute, ma probabilmente potrebbe ucciderci! Chi non conosce il detto “Morire dal Coloro che conoscono la storia del filosofo Crisippo di Soli sanno bene che l’uomo morì dopo aver riso di gusto per aver fatto una battuta al suo schiavo.

Alcuni credono che il filosofo sia morto perché stava ridendo troppo, ma la sola cosa certa è che non esiste modo per saperlo. Tuttavia, sappiamo che alcune persone possono andare incontro alla morte ridendo troppo. Sia chiaro, ridere in sé non uccide, ma una condizione innescata dalla risata potrebbe causare seri danni.

Ridere può uccidere? I rischi che non ti aspetti


Una grande risata potrebbe causare, ad esempio, una rottura di un aneurisma cerebrale causando gravi danni al cervello. Una risata molto forte potrebbe anche innescare un attacco di asma, e lo stesso vale per emozioni come stress, eccitazione e un forte pianto. Un attacco d'asma indotto dalla risata potrebbe causare insufficienza respiratoria.

La morte da risata potrebbe verificarsi anche in presenza di asfissia o soffocamento dopo aver riso molto, poiché ridere troppo forte potrebbe impedire un'adeguata respirazione, privando quindi il corpo di ossigeno.

Per finire, anche la sincope, ovvero una perdita di coscienza temporanea causata da un flusso sanguigno insufficiente al cervello, può essere innescata da un forte attacco di tosse o da una forte risata. La sincope causata da una risata può provocare lesioni potenzialmente letali qualora si dovesse svenire e sbattere la testa.

Morte da risata: casi celebri


 

Morti da risata sono state registrate sin dai tempi dell'Antica Grecia al giorno d'oggi. Fra queste si ricordano quella di Alex Mitchell, che nel 1975 morì dopo aver riso per 25 minuti durante la serie The Goodies, o quella di Ole Bentzen, audiologo danese che morì dalle risate guardando il film “Un pesce di nome Wanda”.

via | TheHealthLine
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail