Firenze, morti due fratelli belgi forse per un antidolorifico oppiaceo venduto senza ricetta

Sono stati trovati morti in una camera d’albergo due fratelli belgi: pare abbiano assunto grandi quantità di ossicodone e alcol.

Poco più che ventenni e in vacanza in Italia. Sono morti domenica in un hotel di Firenze, due fratelli belgi a causa di un mix di alcol e un potente analgesico a base di oppioidi. I ragazzi, rispettivamente 20 e 27 anni, hanno probabilmente acquistato il farmaco senza prescrizione medica da un farmacista che ora risulta indagato. Attualmente è l’unico a essere stato iscritto finora nel registro nell’inchiesta aperta dalla Procura del capoluogo toscano.

Pare che il farmacista, che da poco ha finito gli studi, abbia dato ai due giovani due confezioni di un analgesico oppioide a base di ossicodone, la cui potenza è simile a quella della morfina. Il motivo? Il più fratello più piccolo ha sostenuto di essere stato recentemente operato a un braccio e di dover sopportare un forte dolore. Le confezioni contenevano 28 pasticche ciascuna.

Nella stanza dell’hotel sono state trovate bottiglie di vino e birra completamente vuote e solo 14 pasticche su 56. Ciò vuol dire probabilmente hanno assunto 42 dosi di ossicodone annegandole nell’alcol. Le conseguenze sono state fatali, anche se per avere la sicurezza che la morte sia imputabile a questo mix di farmaci e alcol è necessario attendere gli esiti degli esami tossicologici.

Inoltre, si sta indagando per comprendere se uno dei due fratelli avesse già problemi di droghe o avessero assunto stupefacenti anche nelle ore precedenti alla morte.

Via | Ilfattoquotidiano

  • shares
  • Mail