Cosa sono le nitrosammine

Cosa sono le N-nitrosammine (o nitrosammine) e quali sono i rischi per la salute?

Cosa sono le nitrosammine

Le N-nitrosammine (o nitrosammine) sono dei composti considerati cancerogeni, in base a quanto emerso da studi condotti su modello animale. Le nitrosammine vengono classificate, per l’esattezza, come un 'probabile cancerogeno', per cui un’esposizione a livelli eccessivi potrebbe aumentare il rischio di cancro a lungo termine.

Normalmente i nitrati sono presenti in alcuni cibi e nell'acqua potabile, e – come è emerso negli ultimi giorni - nitrosammine sono state riscontrate anche in alcuni farmaci.

Dal momento che il nitrato rappresenta un componente naturale degli alimenti, che viene convertito in nitrito sin dall’atto della masticazione, i nitriti avranno un ambiente favorevole per produrre le nitrosammine all'interno dello stomaco. Le fonti alimentari più ricche di nitrosammine sono pancetta, carne e salsicce. Anche una cottura ad alte temperature (come ad esempio la frittura) può favorire la conversione di nitriti in nitrosammine.

Come abbiamo accennato, tali sostanze possono causare il cancro negli animali, il che suggerisce che potrebbero risultare cancerogene anche negli esseri umani. In particolar modo, alcuni studi suggeriscono un'associazione evidente con il cancro allo stomaco e quello esofageo.

Detto ciò, la legge italiana fissa i limiti massimi di nitriti a 150 mg per Kg di prodotto, con lo scopo di evitare di raggiungere delle concentrazioni potenzialmente cancerogene.

Per proteggere la propria salute è comunque importante controllare le etichette dei prodotti. Evitate di eccedere con l’assunzione di alimenti trasformati e preferite quelli coltivati biologicamente. Infine, gli esperti consigliano di mangiare verdure che contengono antiossidanti, per ridurre gli effetti dannosi dei nitriti.

via | Rischiochimconelpiatto, Cbc.ca, Airc

Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail