Essere poveri fa invecchiare prima?

La povertà fa invecchiare prima e peggio. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Essere poveri

La povertà fa invecchiare prima e peggio. A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sulle pagine dell’European Journal of Ageing, i cui autori spiegano che le persone che si sono ritrovate al di sotto della soglia di povertà relativa per un periodo di almeno quattro anni durante la vita adulta invecchiano peggio rispetto a quelle che non hanno mai avuto questo genere di problema finanziario.

Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno testato un campione di 5.500 persone di mezza età, prendendo in considerazione vari marker di invecchiamento, come la capacità fisica, la funzione cognitiva e il livello infiammatorio, ed hanno confrontato i dati raccolti con il reddito dei partecipanti durante i 22 anni prima del test.

Ebbene, esaminando i dati gli esperti hanno osservato che un reddito annuo del 60% più basso rispetto al reddito medio (considerato come povertà relativa) è collegato a un invecchiamento precoce.

Abbiamo scoperto che esiste una correlazione significativa tra le sfide finanziarie e l'invecchiamento precoce. E questo è importante per poter intraprendere delle misure preventive

spiegano gli autori dello studio, i quali hanno misurato anche il livello infiammatorio dei partecipanti, ed hanno scoperto che i soggetti con problemi finanziari presentavano anche dei livelli infiammatori più elevati, e ciò è considerato un marker di malattia e invecchiamento.

I risultati mostrano che gruppi che affrontano serie difficoltà finanziarie più volte nella loro vita invecchiano prima degli altri.

via | Eurekalert, TheHealthSite

Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail