Vimercate, donna di 84 muore per una trasfusione sbagliata

A Vimercate una donna di 84 anni muore in ospedale dopo aver ricevuto una trasfusione sbagliata.

trasfusione sbagliata

Per una trasfusione sbagliata una donna di 84 anni è morta all'ospedale di Vimercate. La morte è avvenuta lo scorso venerdì 13 settembre e la conferma dell'azienda socio sanitaria territoriale è arrivata solo oggi. Azienda che ha già comunicato quanto accaduto all'autorità giudiziaria, provvedendo ad avviare un'indagine interna per capire come possa essere successo.

La donna 84enne, residente in provincia di Monza e Brianza, era stata sottoposta mercoledì 11 settembre a un intervento di chirurgia ortopedica presso l'Asst di Vimercate. L'operazione era andata bene, ma in seguito era stata necessaria una trasfusione di sangue. Purtroppo, a causa di una trasfusione sbagliata, la donna è venuta a mancare, dopo aver avuto una seria crisi emolitica. A nulla sono valsi i tentativi di salvarle la vita, dopo il ricovero in Rianimazione, dove è morta alle ore 4 di venerdì 13 settembre.

Le è stata infusa una sacca di sangue che non era destinata a lei, ma a un'altra paziente con il suo stesso nome. La paziente è morta per un caso di omonimia, "per un errore di identificazione dovuto all'omonimia delle due pazienti", come riportato dalla struttura sanitaria.

Secondo quanto riportato dall'Adnkronos Salute, il ministero della Salute ha deciso di inviare gli ispettori nell'ospedale. È già stata avviata

un'indagine interna per verificare quanto avvenuto e accertare eventuali responsabilità. Il fatto è che si è verificato un errore nell'atto trasfusionale: è stata trasfusa sulla paziente deceduta una sacca di sangue destinata a un'altra paziente, per un errore di identificazione dovuto all'omonimia delle due pazienti.

Nel fare le proprie condoglianze ai famigliari della vittima, l'ospedale ricorda che il Servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale dell'ospedale di Vimercate esegue 6mila trasfusioni ogni anno. E negli ultimi 10 anni almeno nulla del genere è mai accaduto.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail