Oggi è la giornata della prevenzione dei tumori cutanei

Il 26 settembre è stata istituita la giornata di prevenzione dei tumori cutanei non melanocitari.

Si pensa ai tumori cutanei e subito viene in mente il melanomi. In realtà il termine corretto è 'tumori cutanei non melanocitari', cioè non sono melanomi, ma neoplasie almeno 10 volte più frequenti. Per questo motivo l'Istituto dermopatico dell'Immacolata-IRCCS (Idi) di Roma ha organizzato per il 26 settembre, ovvero oggi, la Giornata di prevenzione con visite gratuite su prenotazione dedicata a chi ha già avuto diagnosi di cheratosi attinica, carcinoma basocellulare e carcinoma squamocellulare.

"I tumori non melanocitari oltre ad essere già di per sé una patologia molto importante, possono in aggiunta rappresentare, per chi ne risulta affetto, anche un ulteriore fattore di rischio per l'insorgenza del melanoma". E aggiunge: "In un nostro recente studio su oltre 30.000 pazienti affetti da questi tumori, abbiamo osservato infatti un forte aumento dei melanomi, specie nei pazienti più giovani, sotto i 40 anni. I costanti controlli periodici sono fondamentali".

Ha commentato Annarita Panebianco, direttore sanitario dell'Idi. Queste forme di cancro sono in crescita e si localizzano più frequentemente nelle aree del corpo più esposte al sole. Tra i fattori di rischio l'esposizione ai raggi ultravioletti, l'età avanzata, la carnagione chiara (capelli, cute ed occhi chiari), le terapie immunosoppressive croniche (pazienti trapiantati d'organo), specifiche malattie genetiche. Luca Fania, Dermatologo dell'Idi e coordinatore dell'Ambulatorio dei tumori cutanei non melanocitari, ha commentato:

"Dopo intense esposizioni solari sono necessarie visite dermatologiche periodiche di controllo, in particolare proprio per i pazienti con pregressa diagnosi di tumore cutaneo, poiché presentano un maggior rischio di sviluppare altri tumori cutanei".

Via | Ansa

  • shares
  • Mail