Disturbi psichici: rischi maggiori se usi il cellulare di notte?

Usare il cellulare di notte potrebbe aumentare il rischio di soffrire di disturbi psichici. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Usare cellulare di notte

Usare il cellulare di notte potrebbe aumentare il rischio di soffrire di disturbi psichici. A spiegarlo è stato Giovanni Battista Tura, responsabile della Psichiatria dell'Irccs Fatebenefratelli di Brescia, che ha recentemente spiegato che la luce dello smartphone 'confonde' i meccanismi neurofisiologici del nostro organismo, alterando quindi il nostro sonno, e causando problemi psicologici da non sottoavlutare.

Ognuno di noi riproduce e riporta in sé il modello originale e originario di 'essere umano', quello che all’inizio della storia viveva e agiva con la luce del sole, riposava inattivo e dormiva in assenza della stessa.

In tal senso, i nostri modelli non si sono evoluti. Il nostro microsistema continua infatti a seguire la stessa legge, in base alla quale interpreta la luce come uno stimolo, e il buio come un invito a fermarsi. Usare lo smartphone a letto sottopone dunque il nostro sistema a stimoli luminosi che tendono a confonderci, e tende ad attivare i nostri sistemi come se fosse giorno, portandoci dunque a soffrire di insonnia, con una conseguente sensazione di stanchezza durante il giorno e un umore negativo.

Come se non bastasse, l’esperto spiega che gli adolescenti corrono anche maggiori rischi di far emergere disturbi psichici latenti:

Ricordiamo che la privazione di sonno in adolescenza è uno dei fattori di maggior rischio per slatentizzare disturbi psichici anche gravi.

via | AdnKronos
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail