Rolling Stones, la Nasa su Marte chiama così una pietra che rotola

La Nasa omaggia Rolling Stones e Mick Jagger chiamando così una pietra vista rotolare su Marte.

Rolling Stones, la Nasa non poteva che chiamare così, omaggiando la band di Mick Jagger, la pietra che rotola su Marte. Questo è il soprannome che si adatta perfettamente a questa piccola roccia spostata sul pianeta rossa dai propulsori di InSight, sonda che era appena arrivata sulla superficie marziana. Perché darle un nome scientifico astruso, quando si può dare un nome nazional popolare che calza assolutamente a pennello?

Proprio quella sera i Rolling Stones si esibivano al Rose Bowl di Pasadena, per la terzultima tappa del No Filter Tour. Poco distante dalla sede del Jet Propulsion Laboratory della NASA che si occupa di gestire la missione InSight. Matt Golombek e altri scienziati, il cui compito è valutare e contare le rocce in fase di atterraggio, non potevano trovare nome migliore.

La roccia, poco più grande di una pallina da golf, il 26 novembre 2018 ha rotolato per un metro circa grazie ai propulsori della sonda che stava atterrando sul pianeta rosso. In altre immagini si vede proprio il percorso fatto dalla Rolling Stones Rock, il più lungo osservato dall'agenzia spaziale americana. Lori Glaze, direttore della Planetary Science Division della NASA a Washington, spiega:

Il nome Rolling Stones Rock si adatta perfettamente. Parte della missione della NASA è condividere il nostro lavoro con un pubblico vario. Quando abbiamo scoperto che gli Stones sarebbero stati a Pasadena, onorarli sembrava un modo divertente per entrare in contatto con i fan di tutto il mondo.

Da qui l'idea di chiamare Rolling Stones Rock quella pietra rotolante. Senza usare nomi scientifici che, invece, si usano per ufficializzare luoghi e oggetti rinvenuti nel sistema solare, come comete, asteroidi e anche rocce... E solo l'Unione Astronomica Internazionale può dare questi nomi. Mentre gli scienziati sono soliti dare dei soprannomi. Simpatici e accattivanti come questo.

Come l'hanno presa i diretti interessati? Con entusiasmo:

Che modo meraviglioso per celebrare il tour. Questo è sicuramente un traguardo nella nostra lunga storia ricca di eventi. Un enorme grazie a tutti alla NASA per averla resa possibile.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail