Punture di zanzara: come riconoscere una reazione allergica

Ecco come capire se avete una reazione allergica grave alle punture di zanzara.

Punture di zanzara

Le punture di zanzara rappresentano un problema abbastanza sgradevole per grandi e bambini. Quando la zanzara femmina ci punge, inserisce la punta in uno dei vasi sanguigni, iniettando la sua saliva nel flusso sanguigno. La saliva contiene una proteina che impedisce la coagulazione del sangue mentre mangia. Sono proprio queste proteine, e non il morso stesso, a causare gonfiore, arrossamento e prurito dopo la puntura.

Molti di noi presentano una forma di reazione allergica a questi fastidiosi morsi di insetto. La reazione può andare da piccoli sfoghi sulla pelle fino a sintomi anche molto gravi e – fortunatamente – rari. Ecco quali sono i sintomi da tenere sotto controllo se siete stati punti da una zanzara.


  • Lieve allergia alla puntura di zanzara: si presenterà con un piccolo bernoccolo rotondo bianco, spesso con un piccolo punto visibile al centro. La zona diventerà rossa e più dura dopo 1 o 2 giorni.

  • Allergia moderata alla puntura di zanzara: si presenta con bernoccoli leggermente rialzati, lisci, con la punta piatta che sono di solito più rossastri rispetto alla pelle circostante.

  • Grave allergia alla puntura di zanzara: si presenta con lividi accompagnati da gonfiore della pelle, calore, arrossamento e prurito o dolore, insieme a febbre.

  • Grave allergia alla puntura di zanzara (anafilassi): si presenta con orticaria, gonfiore delle labbra/lingua, difficoltà a respirare, respiro sibilante e tosse. Il trattamento consiste nell'uso dell'epinefrina iniettabile e nelle cure mediche immediate.


Se la reazione allergica alla puntura di zanzara è lieve o moderata, per alleviare il fastidio potreste tamponare la zona con alcool, in modo da ridurre la risposta del corpo e quindi il fastidio e il prurito. Potreste inoltre tamponare la pelle con ghiaccio, per ridurre l'infiammazione, alleviare il prurito e lenire la pelle in generale.

via | Prevention
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail