Florida, uomo punto da un batterio killer in acqua muore dopo 48 ore

Dopo aver fatto il bagno, un uomo è morto in Florida a causa di un batterio killer. Ecco come sono andati i fatti.

Dave Bennet

Dave Bennet era un uomo di 66 anni che si trovava a Destin, una famosa località balneare della Florida, insieme alla figlia. Dopo aver fatto il bagno a mare, l’uomo – che aveva alle spalle una storia di cancro – ha cominciato ad avvertire sintomi come brividi, febbre alta e crampi, tutti disturbi che nell’arco di 48 ore lo hanno purtroppo portato alla morte.

La causa del decesso del sessantaseienne sarebbe un batterio killer noto con il nome di Vibrio Vulnificus, un batterio che causa la fascite necrotizzante, vale a dire una rara infezione dei tessuti sottocutanei che, se non trattata tempestivamente, può portare alla morte in poche ore.

Il Vibrio Vulnificus fa parte dei cosiddetti batteri mangiacarne (come lo Streptococco Beta Emolitico di gruppo A, E.coli, Staphylococcus aureus, Clostridium); se l’infezione viene identificata in tempo è possibile trattarla mediante la somministrazione di antibiotici e la rimozione chirurgica dei tessuti infetti, ma purtroppo per Bennet le cose non sono andate così.

A raccontare la sua storia è stata la stessa figlia, che su Facebook ha mostrato la foto di una macchia scura e gonfia che si trovava sulla schiena del padre. A causa dei sintomi, l’uomo si era recato subito in ospedale, dove è apparso chiaro ai medici che il paziente immunodepresso aveva contratto una grave infezione. Purtroppo per lui non c’è stato nulla da fare.

Non c’è abbastanza educazione sui batteri presenti nell’acqua. Dovrebbero esserci cartelli in ogni spiaggia, in ogni città e parco che segnalino che a causa di questi batteri persone con ferite aperte o sistemi immunitari compromessi non dovrebbero entrare.

via | Repubblica
Foto da Facebook

  • shares
  • Mail