Usare il computer fa bene alla memoria?

Usare il computer migliora la memoria? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Computer

Un nuovo studio rivela che le attività che stimolano la mente (come l'uso del computer, fare giochi, l'artigianato e la partecipazione ad attività sociali) sono collegate a un minor rischio di sperimentare una perdita di memoria legata all'età, condizione nota come decadimento cognitivo lieve o Mild cognitive impairment (MCI).

A rivelarlo è il nuovo studio pubblicato sulla rivista Neurology, i cui autori spiegano che il deterioramento cognitivo lieve è una condizione comune durante l'invecchiamento, che presenta però dei sintomi più lievi rispetto a quelli della demenza. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che la MCI può rappresentare un precursore della demenza.

Per il loro studio, i ricercatori hanno identificato un campione di 2.000 persone con un'età media di 78 anni che non presentavano un deficit cognitivo lieve. All'inizio dello studio i partecipanti hanno compilato un questionario in merito alla frequenza con cui prendevano parte a cinque tipi di attività di stimolazione mentale durante la mezza età. Durante lo studio, 532 partecipanti hanno sviluppato un lieve deficit cognitivo, ed i ricercatori hanno constatato che l'utilizzo di un computer durante la mezza età era associato a un rischio inferiore del 48% di danno cognitivo lieve.

Impegnarsi in attività sociali (andare al cinema o uscire con gli amici), fare le parole crociate o giocare a carte, sia in mezza età che in età più avanzata erano associati ad un rischio inferiore del 20% di sviluppare un lieve deterioramento cognitivo. Inoltre, le attività artigianali erano associate a un rischio inferiore del 42%, ma solo in età più avanzata.

Inoltre, gli esperti hanno constatato che maggiore è il numero di attività svolte dalle persone durante la vita adulta, minori sono le probabilità che sviluppino un deterioramento cognitivo.

 

 

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail