Come riconoscere l'intossicazione da composti di mercurio

Come riconoscere l'intossicazione da composti di mercurio? Ecco i sintomi da tenere in considerazione.

intossicazione da composti di mercurio

L'intossicazione da composti di mercurio si manifesta a causa di avvelenamento da mercurio. I più tossici sono i sali di mercurio solubili. La massima concentrazione di mercurio e dei suoi composti nell'aria considerata tollerabile è di 0,1 mg/m3. La forma organica, di solito metile, è la forma più pericolosa per l'uomo, anche se esiste anche la forma inorganica, naturale e salina.

L'intestino umano non riesce ad assorbire il mercurio naturale. Il mercurio inorganico e quello metilico sono assorbiti tramite l'apparato gastrotenerico. I sintomi di solito colpiscono proprio questa parte del corpo, ma anche l'apparato circolatorio e non solo. I sintomi più comuni dell'ingestione volontaria e involontaria sono:


  • dolore all'apparato digerente

  • vomito

  • diarrea

  • ulcerazioni della mucosa orale

  • polmonite interstiziale

  • necrosi ischemiche renali

  • anuria


Si possono anche notare tremori, stanchezza estrema, anoressia, perdita della memoria, insonnia, stato confusionale.

L'avvelenamento da mercurio è molto pericoloso, può anche portare alla morte con conseguenze gravi come emorragia interna, peritonite, perforazione gastrica, paralisi cardiaco. In caso di somministrazioni frequenti ed esposizioni al mercurio, notiamo infiammazione delle gengive e del cavo orale in generale e salivazione abbondante.

Fonti di esposizione al mercurio


L'esposizione al mercurio può avvenire con la dieta, tramite consumo di pesce, crostacei e molluschi (prestate particolare attenzione ai bambini e in gravidanza), tramite l'ambiente con rilascio di mercurio nell'aria e nell'acqua, per la rottura di prodotti che lo contengono, come i vecchi termometri. Alcuni disinfettanti lo contengono, così come alcuni medicinali e l'amalgama dentale, la cui rottura può mettere a rischio pazienti e personale medico.

Come si cura


In caso di avvelenamento acuto da mercurio per somministrazione orale, sono utili il latte e il bianco dell'uovo da assumere subito, così come il carbone adsorbente, l'idrogeno solforato e i farmaci emetici.

Foto da Flickr di lulazzo

  • shares
  • Mail