Gonfiore gastrointestinale: fra le cause c’è anche la troppa assunzione di sale

Soffrite spesso di gonfiore? Una delle cause potrebbe essere l’eccessiva assunzione di sale.

Gonfiore gastrointestinale

Le persone che soffrono maggiormente di gonfiore gastrointestinale spesso sono quelle che tendono a mangiare cibi più salati. A suggerirlo è un nuovo studio recentemente pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology, i cui autori hanno anche scoperto che la dieta DASH (che è particolarmente ricca di fibre) aumenta il gonfiore rispetto a una dieta a basso contenuto di fibre. Per il loro studio, gli autori hanno testato la dieta DASH contro una dieta a basso contenuto di fibre. Ciascuna delle due diete è stata testata a tre livelli di sodio, e i 412 partecipanti avevano tutti la pressione alta all'inizio della ricerca.

Ebbene, gli autori hanno scoperto che la dieta DASH aumentava il rischio di gonfiore di circa il 41% rispetto a una dieta a basso contenuto di fibre, e che gli uomini erano più propensi a soffrire di questo problema rispetto alle donne.

Gli esperti hanno anche stabilito che il sodio rappresenta un fattore di rischio per il gonfiore. Di conseguenza, la riduzione dell'assunzione di sodio potrebbe rappresentare un modo efficace per ridurre il gonfiore, e in particolare può rappresentare un ottimo modo per aiutare le persone a seguire una dieta sana e ricca di fibre.

Il modo in cui il sodio provoca gonfiore è ancora in fase di studio. Il sale causa ritenzione idrica e questa potrebbe essere una delle cause. Abbiamo ipotizzato che l'assunzione di sodio altera anche il microbioma intestinale

spiegano gli autori dello studio. Non rimane che attendere ulteriori conferme.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail