Cos'è l'ipotensione grave?

Cosa si intende con ipotensione grave? Cosa succede quando la pressione è troppo bassa?

Ipotensione o pressione bassa

Quando si parla di ipotensione si parla di pressione bassa. Solitamente ci si preoccupa sempre dell'ipertensione o pressione alta, tuttavia anche la pressione bassa può causare problemi e disagi. Prima di vedere cosa si intende con ipotensione grave e quali sono i sintomi, è bene precisare che con il termine di pressione arteriosa si intende la forza impressa sulle pareti delle arterie dal cuore mentre pompa il sangue. La pressione massima è la pressione sistolica, cioè il valore che viene misurato nel momento del battito, quando il cuore pompa il sangue. La pressione minima o diastolica è il valore misurato fra un battito e l'altro, quando il cuore si dilata prima di pompare di nuovo il sangue.

Ipotensione: valori della pressione bassa

Con il termine di ipotensione si intende quando la pressione diventa più bassa di quella considerata normale. Questi sono i valori normali della pressione:

  • pressione massima: uguale o inferiore a 120 mmHg
  • pressione minima: uguale o inferiore 80 mmHg

Si parla di ipotensione quando il valore della pressione massima è al di sotto dei 90 mmHg e il valore di pressione minima è al di sotto dei 60 mmHg. Abbassamenti improvvisi di pressione, anche di soli 20 mmHg, possono provocare gravi sintomi:

  • vertigine
  • collasso
  • offuscamento della vista
  • incapacità di stare in stazione

Se la pressione cala bruscamente anche di più, ciò può indicare situazioni veramente gravi:

  • emorragie interne o esterne
  • infezioni gravi
  • reazioni allergiche o shock anafilattico
  • scompenso cardiaco

Ipotensione: cause

Fra le condizioni e le malattie che possono causare ipotensione abbiamo:

  • gravidanza
  • problemi cardiaci: bradicardia, disturbi alle valvole cardiache, infarto e arresto cardiaco
  • malattie ormonali: ipotiroidismo, morbo di Addison, ipoglicemia, diabete, disturbi alle paratiroidi
  • disidratazione: anche da febbre, vomito, diarrea, eccessiva attività fisica o diuretici
  • sepsi
  • shock anafilattico
  • carenze dietetiche

Esistono poi diversi tipi di ipotensione:

  • ipotensione ortostatica: è quando si ha un brusco e improvviso calo della pressione arteriosa quando si passa dalla posizione seduta o sdraiata a quella in piedi. Si verifica sia nei giovani che negli anziani. Può essere associata a disidratazione, gravidanza, diabete, disturbi cardiaci, caldo, malattie neurologiche, ma succede anche a persone in perfetta salute quando stanno sedute troppo a lungo con le gambe incrociate o quando stanno accovacciati
  • ipotensione postprandiale: colpisce soprattutto gli anziani dopo che hanno mangiato. Tipica di chi soffre di ipertensione o di disturbi del sistema nervoso autonomo (morbo di Parkinson)
  • ipotensione neurologica: si ha quando si sta in piedi per troppo tempo. E' tipica dei bambini e dei giovani
  • sindrome di Shy-Drager: è una malattia rara che danneggia il sistema nervoso autonomo provocando atrofia sistemica multipla e ipotensione ortostatica

Ipotensione: sintomi della pressione bassa

Soprattutto quando la pressione si abbassa di colpo, possono esserci come sintomi:

  • vertigini
  • senso di stordimento
  • collasso
  • visione offuscata o tutta nera
  • nausea
  • stanchezza
  • incapacità di concentrazione

Nei casi di ipotensione grave, si aggiungono sintomi più severi:

  • confusione mentale
  • cute pallida, fredda e umida
  • respiro superficiale e polipnoico (frequente)
  • polso rapido e debole

Se questi ultimi sintomi persistono troppo a lungo, ecco che gli organi non riescono a ricevere la giusta quantità di sangue e questo porta a uno stato di shock. Va da sé che sintomi del genere richiedono un immediato trattamento medico: chiamate subito il 118 o recatevi immediatamente al Pronto Soccorso.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail