Ubriachezza da sonno: come riconoscerla

Ecco quali sono i sintomi dell’ubriachezza da sonno e come affrontare il problema.

Ubriachezza da sonno

Vi è mai capitato di svegliarvi nel cuore della notte, dopo un sonno profondo, e di non sapere dove vi trovate o cosa state facendo? Probabilmente il problema è causato da una condizione chiamata ubriachezza da sonno, un disturbo che colpisce circa il 15% della popolazione, e che causa appunto una sensazione di confusione e disorientamento. Questa condizione è caratterizzata anche da:



  • Pensiero confuso

  • Discorso rallentato

  • Risposte sconnesse a domande o richieste

  • Problemi temporanei di memoria


Nella maggior parte dei casi questi episodi si verificano dopo un risveglio forzato, e a soffrirne sono spesso le persone che hanno un parente con questo disturbo. Altri fattori che possono innescare o aumentare il rischio sono:


  • Lavoro a turni

  • Non dormire abbastanza

  • Disturbi del sonno (come insonnia e ipersonnia)

  • Disturbi del sonno del ritmo circadiano

  • Stress e ansia

  • Disturbo depressivo e bipolare


Ad aumentare il rischio sono anche il consumo di alcol, la privazione del sonno, l'apnea ostruttiva del sonno, l'abuso di droghe e l'uso di farmaci psicotropi. Ma come fare a combattere questo problema? Ecco alcuni consigli utili da seguire:


  • Cercate di avere una routine del sonno rilassante e sana

  • Spegnete tutti i dispositivi elettronici un'ora prima di andare a dormire

  • Cercate di mantenere un’illuminazione bassa e calda in camera da letto prima di andare a dormire

  • Dormite almeno 7 ore ogni notte

  • Riducete o smettete di consumare bevande alcoliche

  • Evitate o riducete l'assunzione di sonniferi e antidepressivi.


È infine importante consultare uno specialista del sonno, soprattutto se questa condizione causa seri problemi e se dura da diverso tempo.

via | NewHealthAdvisor
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail