Sindrome di Asperger, personaggi famosi che ne soffrono

La Sindrome di Asperger colpisce molte persone. E sono diversi i personaggi famosi che hanno ammesso di soffrirne.

sindrome di asperger personaggi famosi

Sindrome di Asperger, personaggi famosi che hanno dichiarato di soffrirne ce ne sono molti. Contribuendo anche a diffondere la giusta informazione sul disturbo. Che spesso non viene compreso o confuso con altre malattie. La sindrome di Asperger è un disturbo pervasivo dello sviluppo, che fa parte dei disturbi dello spettro autistico. Non si manifesta con ritardi linguistici o intellettivi. La sindrome è definita come un disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento. Nei soggetti affetti a essere compromesse sono le interazioni sociali e sono soliti mostrare schemi di comportamento ripetitivi e stereotipati, interessandosi a poche cose, ma in modo intenso.

Tra i personaggi famosi con Sindrome di Asperger che hanno parlato pubblicamente del loro problema, dimostrando che è possibile vivere una vita con la sindrome, ricordiamo dei grandi geni di ieri e di oggi:



  • Greta Thunberg, attivista di Fridays for future che sciopera ogni venerdì da scuola contro i cambiamenti climatici

  • Steve Jobs, non è confermato, ma molti esperti sostengono che il fondatore della Apple fosse Asperger.

  • Susanna Tamaro, la stessa scrittrice ha parlato della sua sindrome, una vera e propria prigione per lei.

  • Michelangelo Buonarroti, anche il grande artista italiano, autore della Cappella Sistina, con tutta probabilità era un Asperger.

  • Wolfgang Amadeus Mozart, noto compositore famoso per le sue opere e per il suo carattere compulsivo.

  • Isaac Newton, padre della fisica moderna, che non era in grado di parlare e arrivava anche a dimenticarsi di dormire o mangiare mentre lavorava.

  • Charles Darwin, un altro grande, l'autore dell'evoluzionismo, si dice che soffrisse della sindrome essendo ossessionato dalle sue collezioni. E poi non parlava mai con nessuno.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail