Artrite psoriatrica: essere in sovrappeso peggiora i sintomi

Esiste un collegamento fra indice di massa corporea (BMI) e gravità della malattia nell'artrite psoriasica. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

essere in sovrappeso

Esiste un collegamento fra indice di massa corporea (BMI) e gravità della malattia nell'artrite psoriasica. A rivelarlo è un nuovo studio condotto dai membri dell’Università di Glasgow, Regno Unito, i cui autori spiegano innanzitutto che l'artrite psoriasica è una malattia infiammatoria cronica che colpisce la pelle e le articolazioni, causando dolore e disabilità. La malattia causa spesso gonfiore delle dita delle mani e dei piedi a causa di un'infiammazione articolare.

Nonostante sia ben noto il fatto che questa malattia è associata a una maggiore prevalenza di obesità e sovrappeso, pochi studi hanno valutato la relazione tra il peso e la gravità della malattia nei pazienti. I risultati del nuovo studio dimostrano però che l’indice di massa corporea è indipendentemente correlato all'attività della malattia, all'impatto della malattia percepita dal paziente e alla disabilità.

I nostri risultati evidenziano l'impatto dell'obesità e la necessità di approcci orientati allo stile di vita per gestire il peso nell'artrite psoriasica, in parallelo a trattamenti articolari e mirati per la cura della pelle

spiegano gli autori dello studio condotto su un campione di 917 pazienti provenienti da otto paesi europei.

Vi sono prove crescenti che descrivono come il tessuto grasso agisca come un organo attivo coinvolto nei disordini metabolici e infiammatori. Inoltre, con regimi farmacologici a dose fissa, come con i farmaci biologici, l'obesità può ridurre l'efficacia per ragioni farmacocinetiche.

via | Eurekalert

  • shares
  • Mail