Omega-6 in gravidanza: meglio non esagerare

Una dieta troppo ricca di Omega 6 in gravidanza potrebbe danneggiare la salute del bambino. Lo rivela questo nuovo studio.

Omega-6

Una dieta troppo ricca di Omega 6 in gravidanza può danneggiare la salute del bambino? A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista The Journal of Physiology, i cui autori spiegano che nelle società occidentali tendiamo a mangiare troppi grassi omega 6 (in particolare l'acido linoleico), che sono presenti in cibi come le patatine e l’olio vegetale.

Gli autori spiegano che studi precedenti avrebbero già dimostrato che l'assunzione di eccessive quantità di acido linoleico potrebbe favorire l'infiammazione, ed essere quindi associato a un maggiore rischio di malattie cardiache.

Seguire una dieta ad alto contenuto di acido linoleico potrebbe risultare dannoso anche durante la gravidanza. Gli autori hanno infatti scoperto che questo genere di dieta innesca dei cambiamenti nelle mamme ratto, mutazioni che possono comportare un aumento del rischio di complicanze in gravidanza e uno scarso sviluppo dei bambini.

Se gli effetti dell’acido linoleico elevato sono gli stessi nei ratti e negli esseri umani, ciò suggerirebbe che le donne in età fertile dovrebbero prendere in considerazione la riduzione della quantità di acido linoleico nella loro dieta

spiegano gli autori dello studio, i quali aggiungono che quando gli esseri umani consumano una dieta ricca di acido linoleico tendono ad assumere anche elevate quantità di grassi, zuccheri e sale.

È importante che le donne in gravidanza controllino la loro dieta, e la nostra ricerca è un altro esempio che conferma che consumare troppo di un certo tipo di nutrienti può avere un impatto negativo sul bambino durante lo sviluppo.

 

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail