Anziani: ottimismo e saggezza aiutano a vivere meglio

Essere ottimisti aiuta a invecchiare meglio. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Anziani

Gli anziani che hanno un maggiore ottimismo invecchiano meglio. Questo è ciò che emerge da un nuovo studio condotto dai membri della University of California San Diego School of Medicine, i quali spiegano che l'età avanzata è generalmente associata al declino della salute cognitiva, fisica e mentale.

Per il loro studio, gli autori hanno analizzato un campione di 112 residenti di case di riposo, con un'età media di 84 anni, ed hanno esaminato il modo in cui fattori distintivi come saggezza, solitudine, reddito e qualità del sonno hanno un impatto positivo e/o negativo sulle funzioni fisiche e mentali delle persone anziane.

Dallo studio pubblicato sulle pagine dell’American Journal of Geriatric Psychiatry è emerso che la salute fisica è correlata sia alla funzione cognitiva che alla salute mentale. Nello specifico, la funzione cognitiva è risultata significativamente associata alla mobilità fisica, alla saggezza e ai livelli di soddisfazione nella vita. La salute mentale era invece collegata in particolar modo all'ottimismo, all'autocompiacimento, al reddito e ai bassi livelli di solitudine e disturbi del sonno.

I tratti psicologici - come l'ottimismo, la resilienza, la saggezza e l'auto-compassione – hanno avuto degli effetti protettivi, mentre la solitudine sembrava essere un fattore di rischio per la salute.

I centri anziani nella comunità dovrebbero incorporare attività che interessino aspetti fisici, sociali e mentali. Tutti possiamo fare qualcosa per migliorare e rafforzare la qualità della vita durante l’invecchiamento.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail