Per proteggere il tuo cuore, evita i posti pieni di fumo

Il fumo passivo aumenta il rischio di ipertensione. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Fumo passivo

Il fumo passivo aumenta il rischio di ipertensione e mette in pericolo la salute del cuore. Questo è ciò che emerge da un nuovo studio presentato in occasione dell’EuroHeartCare 2019, i cui autori spiegano che, per proteggere la propria salute, è necessario evitare l'esposizione al fumo passivo a prescindere dal fatto che il fumatore sia ancora nella stanza.

Il nostro studio sui non fumatori dimostra che il rischio di ipertensione arteriosa è maggiore se associato a una durata maggiore di esposizione al fumo passivo, ma anche quantità più basse sono pericolose.

Dallo studio è infatti emerso che il fumo passivo in casa o al lavoro è collegato a un aumento del 13% del rischio di ipertensione. Dopo 20 anni di convivenza, vivere con un fumatore è risultato associato a un rischio maggiore del 15%, con uomini e donne che sono stati interessati in egual misura.

Gli esperti ricordano che l'ipertensione arteriosa è la principale causa globale di morte prematura, e questo loro studio è il primo a valutare l'associazione tra fumo passivo e ipertensione nei soggetti non fumatori, associazione che è stata verificata mediante l’analisi dei livelli urinari di cotinina, il principale metabolita della nicotina. Per la loro ricerca, gli esperti hanno arruolato un campione di 131.739 non fumatori, con un'età media di 35 anni.

I risultati suggeriscono che, per proteggere dal rischio di ipertensione, è necessario tenersi completamente lontani dal fumo passivo, e non solo ridurne l'esposizione.

Nonostante gli sforzi compiuti in tutto il mondo per minimizzare i pericoli del fumo passivo espandendo aree non fumatori nei luoghi pubblici, il nostro studio dimostra che più di uno su cinque non fumatori sono ancora esposti al fumo passivo. Sono necessari divieti di fumo più severi, insieme a un maggiore aiuto per i fumatori a rinunciare a questo vizio; sapere che i familiari soffrono potrebbe essere una motivazione in più per smettere di fumare.

via | ScienceDaily
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail