Il diabete aumenta il rischio di essere riammessi in ospedale

I pazienti con diabete e glicemia bassa corrono rischi maggiori di essere riammessi in ospedale. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

diabete

I pazienti con diabete e glicemia bassa corrono un maggior rischio di morte in seguito alla dimissione ospedaliera a causa di fattori come l'ipoglicemia. A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sulle pagine del Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, i cui autori hanno esaminato i dati di quasi 1 milione di pazienti ricoverati.

Gli autori dello studio hanno esaminato, per l’esattezza, un campione di 843.978 ammissioni di pazienti con diabete negli ospedali per un periodo di 14 anni, per determinare i tassi di riammissione e di mortalità.

Abbiamo scoperto che i pazienti con diabete che vengono dimessi con valori glicemici bassi o anche quasi normali durante l'ultimo giorno di degenza corrono un più alto rischio di morire o di essere ricoverati nuovamente in ospedale

spiegano gli esperti, i quali hanno scoperto che i pazienti con diabete tendono ad essere riammessi in ospedale entro 30 giorni e corrono un maggior rischio di mortalità post-dimissione entro 30, 90 e 180 giorni quando presentano livelli di zucchero nel sangue inferiori a 100 mg/dl.

Alla luce di quanto emerso, gli autori spiegano che:

Sebbene siano necessari studi futuri, i medici dovrebbero evitare di dimettere i pazienti con diabete dall'ospedale fino a quando non si raggiungono valori di glucosio superiori a 100 mg/dl durante l'ultimo giorno del ricovero.

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail