Psicologia: gli adolescenti che vogliono stare soli sanno cosa è meglio per loro?

Gli adolescenti che decidono di trascorrere del tempo da soli sanno quello che fanno, e non corrono maggiori rischi di essere depressi. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

adolescenti

Gli adolescenti che scelgono volontariamente di trascorrere del tempo da soli probabilmente sanno cosa è meglio per loro, e ciò non rappresenta un campanello d’allarme per il rischio di isolamento sociale o depressione. Questo è ciò che emerge da uno studio condotto dai membri dell'Università della California, di Santa Cruz e del Wilmington College, i quali spiegano che quando la solitudine viene imposta agli adolescenti e ai giovani adulti (come forma di punizione o come conseguenza dell'ansia o dell’esclusione sociale), può essere problematica, ma se è lo stesso adolescente a cercare un attimo per sé, in totale solitudine, allora tale scelta contribuirà alla sua crescita personale e a una migliore accettazione di sé.

Quando gli adolescenti e i giovani adulti scelgono di trascorrere del tempo da soli, la solitudine può offrire un'opportunità di auto-riflessione, espressione creativa o rinnovamento spirituale. Ma può essere una sfida quando viene loro imposta - quando rinunciano all'impegno sociale perché non hanno amici, si sentono a disagio, provano ansia sociale o vengono puniti

spiegano gli autori dello studio, secondo i quali è in questo secondo caso che si corre un maggior rischio di soffrire di depressione e di avere uno scarso livello di sviluppo dell'identità, autonomia e delle relazioni positive con gli altri. Al contrario, coloro che cercano la solitudine per ragioni positive (come l'auto-riflessione o il desiderio di pace e tranquillità) non corrono affatto rischi del genere.

La nostra cultura è piuttosto incline all'estroversione. Quando vediamo qualche segno di timidezza o introversione nei bambini temiamo che non saranno popolari, ma trascuriamo il fatto che molti adolescenti e giovani ben adattati sono perfettamente felici quando sono soli, e beneficiano della loro solitudine.

Insomma, non è necessario essere sempre “social"! Certe volte fa bene anche trascorrere del tempo da soli!

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail