Roma, lo spettacolo DNA dell'AIRC per raccontare la scienza della vita

A Roma va in scena lo spettacolo "DNA" dell'AIRC: verrà raccontata la scienza della vita. Ecco le date e il programma.

DNA, lo spettacolo dell'AIRC a Roma

Dopo il grande successo di Planetario nel 2012 e di Botanica nel 2016, i Deproducers (Vittorio Cosma, Gianni Maroccolo, Max Casacci e Riccardo Sinigallia) tornano in scena con lo spettacolo DNA. Si tratta di un nuovo capitolo facente parte del loro più vasto progetto Musica per Conferenze Scientifiche, ovvero concepire la scienza come poesia. Accanto ai quattro musicisti e produttori troveremo anche Telmo Pievani, filosofo ed evoluzionista, qui nelle vesti di frontman d'eccezione. Lo spettacolo permetterà ad AIRC di raccontare in modo insolito quanto sia importante il valore culturale della ricerca oncologica in Italia. Segnatevi queste date:

  • 9 aprile, Data Zero: Teatro Grande di Brescia
  • 11 aprile, Prima: Parco della Musica di Roma (Sala Sinopoli, per il Festival delle Scienze National Geographic)
  • 18 maggio: Teatro Ariston di Mantova (per il Festival Food&Science)

Le prevendite del tour sono già state aperte (troverete i biglietti su vivaticket.it e ticketone.it).

DNA, il nuovo spettacolo dei Deproducers

DNA si configura come un'opera innovativa che unisce musica e scienza. Il tutto grazie all'estro artistico dei Deproducers e alla consulenza scientiva di Pier Paolo Di Fiore e Telmo Pievani. Oltre allo spettacolo teatrale, poi, dal 5 aprile sarà disponibile DNA anche in CD, con produzione discografica di Ala Bianca e distribuzione di Warner Music.

Lo spettacolo DNA propone brani musicali inediti e una scenografia che fa della doppia elica del DNA il cuore del racconto. Un'esperienza immersiva, dove ripercorreremo le tappe dell'evoluzione, dalle prime cellule fino alla comparsa dell'Homo sapiens, per arrivare fino ai nuovi traguardi della genetica. La scienza verrà raccontata attraverso musica, immagini e parole. Affronteremo alcune delle tematiche più affascinanti del mondo della scienza, il tutto per sottolineare sempre il ruolo fondamentale della ricerca scientifica per rendere il cancro una malattia sempre più curabile.

  • shares
  • Mail