Paralisi del sonno: le cause e come prevenirla

Ecco quali sono i sintomi della paralisi del sonno, le possibili cause e come prevenire il problema.

Paralisi del sonno

La paralisi del sonno è una condizione che comporta un'incapacità di muoversi, parlare o reagire. Si tratta di uno stato transitorio che può durare da pochi secondi a diversi minuti. Solitamente è un fenomeno che si verifica una tantum, ma può ripetersi anche varie volte, persino durante la stessa notte.

Questo problema colpisce indistintamente sia uomini che donne di ogni età, ma molto raramente è sintomo di problemi psichiatrici, mentre è spesso indice che il corpo non si sta muovendo come dovrebbe nel corso delle varie fasi del sonno, e si verifica più frequentemente se si dorme sulla schiena.

Alcune delle possibili cause di questa condizione sono insonnia, disturbi mentali, abuso di sostanze stupefacenti, affaticamento e interruzioni del proprio schema del sonno. La paralisi del sonno è una condizione che può risultare spaventosa, ma fortunatamente è in gran parte innocua. Vediamo insieme quali accorgimenti bisogna mettere in atto per evitare di incorrere in questa terribile esperienza:


  • Dormire abbastanza: dormire dalle 6 alle 8 ore per notte è uno dei metodi più semplici per prevenire la paralisi del sonno.

  • Preparare la stanza da letto: rendere la camera da letto un luogo ci pace e tranquillità, assicurandosi che il letto sia caldo e comodo e che la stanza sia fresca. Evitare qualsiasi eccessiva fonte di luce e di rumore, optando magari per dei tappi per le orecchie o per una maschera per gli occhi.

  • Programmare le ore di sonno: andate a letto ogni notte e svegliatevi al mattino alla stessa ora. Il corpo prenderà presto il ritmo del sonno. Per cominciare è consigliabile avere una routine prima di mettersi a letto per rilassarsi e conciliare il sonno, come leggere un libro o meditare.

  • Eliminare le cattive abitudini: vizi e abitudini come quello del fumo, bere alcolici, assumere caffeina, guardare la televisione e mangiare abbondantemente subito prima dormire, possono influenzare negativamente la qualità del sonno.

  • Rilassarsi: lo stress riesce ad alterare i cicli del sonno. È quindi importante prendere una pausa dal proprio programma giornaliero, ritagliarsi uno spazio per sé e rilassarsi, cercando di eliminare ciò che ci mette sotto pressione.


via | NewHealthAdvisor
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail