Fibromialgia: i consigli per alleviare il dolore

Cos’è la fribromialgia e quali sono i rimedi più efficaci per alleviare il dolore.

Fibromialgia

La fibromialgia è una malattia che interessa l’apparato muscoloscheletrico, ed è caratterizzata da dolore diffuso, affaticamento, problemi di memoria e del sonno. Tale condizione influenza considerevolmente l’umore, a causa del malessere continuo che provoca. I soggetti affetti da questa malattia soffrono spesso di cefalea tensiva, disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare, sindrome dell’intestino irritabile, ansia e depressione.

I sintomi possono scaturire dopo un trauma fisico, un intervento chirurgico, un’infezione, o a seguito di uno stress psicologico significativo. In altri casi – invece- i sintomi si presentano senza che vi sia un particolare evento scatenante.

Le donne hanno una maggiore probabilità di sviluppare la malattia. Oltre al sesso, altri fattori di rischio da prendere in considerazione sono la familiarità, la presenza di eventuali altre patologie, come l’osteoartrite, l’artrite reumatoide o il lupus. I ricercatori ritengono che il cervello delle persone con fibromialgia registri un cambiamento – dovuto alla ripetuta stimolazione nervosa – comportando così l’aumento della produzione di neurotrasmettitori in modo anomalo. I recettori del dolore – di conseguenza – reagiscono in modo eccessivo ai segnali del dolore.

I sintomi della fibromialgia includono:


  • Dolore diffuso: tale dolore è solitamente descritto come sordo e costante. Per essere considerato diffuso deve manifestarsi su entrambi i lati del corpo e sotto e sopra la vita.

  • Fatica: il sonno delle persone affette da fibromialgia è spesso interrotto, di conseguenza ci si sveglia spesso stanchi e affaticati. Possono manifestarsi altri disturbi del sonno, quali la sindrome delle gambe senza riposo e l’apnea notturna.

  • Difficoltà cognitive: un sintomo comune che si manifesta con la fibromialgia è la compromissione della capacità di concentrazione e di attenzione.


La fibromialgia non è curabile, e i trattamenti standard – quali antidolorifici, antidepressivi e farmaci antiepilettici – forniscono solo un aiuto per ridurre i sintomi. Per alcuni soggetti queste cure risultano inefficaci, e possono inoltre comportare l'insorgenza di effetti collaterali che rendono difficoltoso il proseguimento dei trattamenti.

Si ritiene quindi che il metodo migliore per affrontare i pesanti sintomi della malattia sia quello di combinare i trattamenti farmacologici con altri tipi di terapie.

Tra i migliori rimedi naturali troviamo:


  • Yoga

  • Meditazione

  • Agopuntura

  • Somministrazione dell’amminoacido naturale “5-idrossitriptofano”, che favorisce la produzione di serotonina

  • Somministrazione della molecola – disponibile anche come supplemento dietetico – S-adenosil metionina.

  • Terapia manuale di drenaggio linfatico, che aiuta a liberare il corpo dalle tossine, tramite un particolare tipo di massaggio.


via | HealthLine, Mayoclinic
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail