Sindrome della palpebra flaccida: i sintomi e i rimedi più efficaci

Ecco quali sono i sintomi e le possibili cause della Sindrome della palpebra flaccida, e i trattamenti più indicati.

Sindrome della palpebra flaccida

La sindrome della palpebra flaccida, o Floppy Eye Syndrome (FES), è una condizione spesso causata da una congiuntivite papillare cronica non diagnosticata. Tale condizione è caratterizzata da palpebre flosce associate a cheratite puntata superficiale, ptosi delle ciglia laterali e da tipici cambiamenti congiuntivali. Questa sindrome colpisce entrambi i sessi, anche se è maggiormente riscontrata nei pazienti maschi e obesi di mezza età. Alla sindrome della palpebra flaccida possono essere associate alcune malattie sistemiche come il diabete mellito, l’ipertiroidismo e l’ipertensione.

Sintomi della Sindrome della palpebra flaccida


La sindrome è caratterizzata da sintomi come palpebra superiore lassa e tarso morbido e gommoso che può ripiegarsi su sé stesso. Può inoltre essere associato a ptosi delle ciglia. Se non trattata, questa condizione potrebbe inoltre essere associata a disturbi come irritazione degli occhi, secrezione, cheratite infettiva, ulcerazione corneale, cicatrici corneali, cheratite filamentosa, neovascolarizzazione corneale.

Floppy Eye Syndrome: le possibili cause


I fattori che potrebbero provocare lo sviluppo della sindrome sono svariati, fra questi si segnalano:


  • Diminuzione della quantità di elastina all’interno della piastra tarsale e delle palpebre, indotta da meccanismi di stress ripetuti, associati allo sfregamento degli occhi o alle abitudini del sonno (i pazienti affetti da FES potrebbero tendere a dormire a faccia in giù, con gli occhi premuti contro il cuscino). Si è inoltre riscontrato che se il disturbo è unilaterale, questo coincide con il lato su cui il soggetto tende a dormire.

  • Scarso contatto delle palpebre lasse con il globo: lo scarso contatto, associato alle anomalie delle ghiandole di Meibomio e alle alterazioni dei film lacrimali può contribuire allo sviluppo della sindrome.


Trattamenti


Un primo trattamento da attuare contro la FES consiste nella terapia medica, tramite la schermatura meccanica delle palpebre, l’uso di una maschera per dormire, la lubrificazione topica, e prestare attenzione ad evitare lo sfregamento degli occhi.

Quando le dovute attenzioni e i comuni rimedi non bastano più, entra in gioco la terapia chirurgica: il ripristino della tensione palpebrale deve essere associato a una particolare attenzione alla posizione in cui si dorme. Inoltre può essere provato l’accorciamento orizzontale delle palpebre, e nel caso questo non funzionasse si può passare alla tarsorrafia (operazione chirurgica nota anche con il nome di blefarorrafia) così da prevenire l’eversione delle palpebre.


via | Aimu
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail