Cos'è la terapia infusionale

Cosa si intende con terapia infusionale? Che tipo di cura è?

Terapia infusionale

Quando si parla di terapia infusionale si intende un tipo di terapia effettuata per via endovenosa. I farmaci o i liquidi vengono forniti direttamente nel flusso sanguigno tramite ago cannuale o cateteri intravenosi. Tali strumenti vengono inseriti o in una vena periferica o in una vena centrale. Grazie a questa via possono essere somministrate parecchie sostanze e farmaci, fra cui liquidi, farmaci di diverso tipo (fra cui anche antibiotici e antidolorifici), elettroliti e anche nutrienti. Si tratta di un'utile via non solo per somministrare rapidamente farmaci, ma anche per sostenere un paziente quando l'alimentazione per via enterale non sia possibile.

Terapia infusionale: quali soluzioni si possono infondere?

Ci sono diversi tipi di soluzioni che si possono infondere per via endovenosa:

  1. cristalloidi: cristalli di sali e zuccheri disciolti in acqua creano i cristalloidi. Questo tipo di soluzione non contiene né proteine né soluti ad alto peso molecolare. Rimangono per breve tempo nello spazio intravascolare. In questa classe troviamo i liquidi maggiormente infusi: soluzione fisiologica, ringer lattato e destrosio
  2. colloidi: qui troviamo molecole di grosse dimensioni, fra cui anche proteine. Rimangono più a lungo nello spazio intravascolare

Le soluzioni poi possono essere:

  • isotoniche, ipotoniche o ipertoniche: nel primo caso l'osmolarità (concentrazione di una soluzione) è simile a quella del plasma (esempi: soluzione fisiologica, NaCl allo 0,9% o glucosata al 5%); nel secondo caso l'osmolarità è più bassa (esempio: acqua sterile); nel terzo caso l'osmolarità è maggiore (esempi: glucosataal 20% e bicarbonato all'8,4%)
  • acide o basiche: si basano sul pH (concentrazione di ioni idrogeno in una soluzione)

Terapia infusionale: quali sono i tipi?

La somministrazione di farmaci per via endovenosa può avvenire in diversi modi (la scelta dipende dalla concentrazione del farmaco nella regione terapeutica: ci sono farmaci che richiedono una concentrazione costante nel sangue, altri che richiedono somministrazioni a determinati orari):

  • bolo: il liquido viene iniettato in un'unica soluzione, direttamente in vena
  • infusione: il liquido viene somministrato attraverso pompe infusionali e deflussori. In questo caso abbiamo l'infusione intermittente o continua

Ovviamente la somministrazione di farmaci per via endovenosa non è scevra da effetti collaterali. A prescindere dal fatto che solamente alcuni farmaci possono essere utilizzati tramite questa via, ci sono alcune complicanze che possono subentrare:

E' fondamentale che tale terapia venga gestita da personale esperto.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail