Fortnite crea dipendenza: sintomi e cosa fare

La dipendenza da Fortnite, il videogioco del quale si discute ultimamente, è sempre più forte. Ecco come si riconosce e cosa fare.

fortnite

Fortnite crea dipendenza. A giugno dell'anno scorso l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto la dipendenza da videogame come malattia. Oggi questa patologia sembra riguardare principalmente il videogame del momento. Fortnite conta 200 milioni di utenti registrati. Alcuni senza nessun problema. Mentre altri soffrono di una vera e propria dipendenza.

Ci sono ragazzi (ma anche adulti) che trascorrono più di 12 ore al giorno davanti a uno schermo per sfidare gli altri giocatori in partite infinite. Nel Regno Unito il gioco è la causa di più di 200 cause di divorzi. Bambini, adolescenti, ma anche persone adulte non riescono a staccarsi dal gioco. E il problema non è solo psicologico, ma anche economico, visto che il giro di affari, non per il gioco che è gratis, ma per tutto il contorno, è impressionante. C'è chi paragona la dipendenza da Fortnite alla dipendenza da gioco d'azzardo. Ma come si riconosce la dipendenza da Fortnite?

Sintomi della dipendenza da Fortnite

Quali sono i sintomi della dipendenza da Fortnite e, in generale, della dipendenza da videogiochi?


  • Perdita di ore di sonno.

  • Tendenza all'isolamento.

  • Scarsa concentrazione.

  • Risultati compromessi a scuola e al lavoro.

  • Vita sociale inesistente.

  • Peggioramento della salute.

  • Atteggiamenti compulsivi e ripetitivi.

  • Distacco dalla realtà.

Come evitare la dipendenza da videogame

Per evitare la dipendenza da videogame bisogna fissare delle regole. Che si tratti di bambini, di ragazzi o di noi stessi!


  • Imporre un limite massimo giornaliero o settimanale di ore di gioco.

  • Non facciamo giocare a Fortnite bambini troppo piccoli, al di sotto dei 12 anni.

  • Trovate hobby diversi, come fare attività all'aria aperta. Evitare di rimanere chiusi in casa può essere una soluzione.

  • Se la persona è già dipendente, rivolgersi a uno psicoterapeuta per risolvere la dipendenza.


Via | Agi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail