Testosterone basso, 5 sintomi da non sottovalutare

I sintomi del testosterone basso non devono mai essere sottovalutati: eccone 5 da tenere in considerazione.

Testosterone basso sintomi

Quando si parla di testosterone basso sintomi da non sottovalutare ce ne sono diversi. Ma non sempre ci si fa caso. Quali sono i segnali che indicano che forse sarebbe meglio effettuare una diagnosi più approfondita? Il testosterone è un ormone presente negli uomini con un livello 20 volte superiore alle donne. È responsabile dello sviluppo dell'apparato genitale maschile e in pubertà, quando il suo livello aumenta, causa la crescita di pene e testicoli, dei primi peli e il cambio nel tono della voce, del tono muscolare, della forza, della massa corporea.

Ma il testosterone ha anche altre funzioni nell'organismo. Ad esempio aumenta la densità ossea, migliora il metabolismo dei grassi, aiuta il fegato a sintetizzare le proteine, aumenta i livelli di colesterolo buono, abbassa i livelli di colesterolo cattivo. E ancora, aiuta la produzione di globuli rossi e gioca un ruolo importante anche per la memoria e la concentrazione.

Cosa succede quando livelli di testosterone basso si registrano nel nostro organismo?

Testosterone basso sintomi


Il Dottor Ferran García, Direttore dell’Unità di Andrologia di Institut Marquès, svela quali sono i cinque segnali di deficit che gli uomini devono tenere sempre sotto controllo:


  • Pulsioni sessuali ridotte e disfunzione erettile

  • Stanchezza cronica, apatia, variazioni dell'umore, disturbi del sonno

  • Massa muscolare e densità ossee ridotte

  • Aumento del grasso corporeo, perdita di peli e capelli

  • Anemia

Testosterone basso, cause

A partire dai 30 anni il testosterone cala dell'1% ogni anno. Ma potrebbe diminuire anche per altre cause come l'obesità, le patologie a carico dell'ipofisi, il diabete. Seguendo uno stile di vita sano, con una dieta bilanciata come la dieta mediterranea e un po' di attività fisica, si può prevenire il calo di questo prezioso ormone. Gli integratori di testosterone andrebbero somministrati solo in caso di livelli al di sotto della norma del sangue e solo su prescrizione medica.

Prima di ricorrere ad integratori, controindicati a tutti i soggetti a rischio cardiovascolare, è da valutare un cambio nello stile di vita, un controllo difattori come l'obesità o la pressione alta.

Foto iStock

  • shares
  • Mail