Obiettivo Risarcimento, lo spot con Enrica Bonaccorti cancellato dalla Rai

Associazioni di settore contro lo spot di Obiettivo Risarcimento con Enrica Bonaccorti in onda sulle reti Rai.

Associazioni di settore contro lo spot di Obiettivo Risarcimento con Enrica Bonaccorti. La Rai ha deciso di sospendere la pubblicità, mentre la FNOPI chiede l'intervento al governo per un comportamento che, secondo l'associazione, può nuocere gravemente alla salute. Nel video, mandato in onda sui canali del servizio pubblico, invita i cittadini a denunciare medici e infermieri nel caso si sospettino eventuali errori nelle procedure mediche. Erano previsti 42 passaggi dal 26 dicembre al 6 gennaio. Ma tutto è stato fermato dopo le attese polemiche.

I medici hanno protestato per uno spot che incita alla rivalsa, sacrosanta in caso di errore medico, ma che delegittima di fatto la figura professionale. La FNOPI definisce così lo spot:

L’istigazione ai cittadini a trovare un vulnus giuridicamente perseguibile per istruire pratiche e processi contro la sanità pubblica, ma che dopo la legge 24/2017 sulla responsabilità sanitaria hanno con maggiori probabilità esiti poco favorevoli per il denunciante se non supportate da un’adeguata e provata motivazione, non è di oggi: analogo spot e per di più della stessa organizzazione era stato proposto nel 2014 e in modo altrettanto plebiscitario criticato e bloccato.

Su Facebook è intervenuto anche il ministro della Salute Giulia Grillo:

Sono pienamente d'accordo con la decisione della Rai di sospendere la messa in onda dello spot sui risarcimenti per casi di malasanità di una società privata, perché banalizza e fa commercio del legittimo diritto delle persone al risarcimento del danno, mettendo in cattiva luce il lavoro infaticabile e serio di medici e professionisti della sanità ogni giorno impegnati a prendersi cura di chi ha bisogno.

medico

Sempre su Facebook Obiettivo Risarcimento replica sottolineando che ritiene ingiusta la cancellazione dello spot:

Foto iStock

Via | Infermieristicamente

  • shares
  • Mail