Farmaci per il diabete e rischi per il cuore: l’allarme degli esperti

Due farmaci che vengono spesso prescritti per il diabete di tipo 2 (ovvero sulfaniluree e insulina basale) potrebbero aumentare il rischio di infarto, ictus e insufficienza cardiaca. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Farmaci per il diabete

Due farmaci che vengono spesso usati per il trattamento del diabete, ovvero sulfaniluree e insulina basale, sono collegati a un maggior rischio di infarto, insufficienza cardiaca e ictus. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della Northwestern Medicine di Chicago. Lo studio ha preso in esame un campione di 132.737 pazienti, ed ha fatto emergere un dato da non sottovalutare.

Gli esperti hanno infatti scoperto che i pazienti che assumono sulfoniluree corrono un rischio cardiovascolare del 36% maggiore, mentre i pazienti che assumono insulina basale corrono un rischio raddoppiato rispetto a chi segue un trattamento con la più recente classe di terapie, quella a base di inibitori del DPP-4.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Network Open, e rappresenta il primo lavoro che mette a confronto i farmaci di seconda linea per il diabete collegandoli all’eventuale rischio cardiovascolare.

Alla luce di quanto rilevato, è necessario un cambio di paradigma nel trattamento del diabete, come fanno sapere gli autori, i quali aggiungono che basta prescrivere l'insulina basale a 37 pazienti, per un periodo di due anni, per osservare un evento cardiovascolare.

Per le sulfoniluree si tratta di 103 persone. Ma se traduciamo questo numero per milioni di pazienti che le assumono le implicazioni e il rischio per i pazienti sono enormi. […] Le nuove classi di farmaci per la terapia del diabete, tra cui analoghi del GLP-1 e glifozine, sono più sicure dal punto di vista cardiovascolare rispetto alle sulfoniluree e all'insulina basale, quando usate in aggiunta alla metformina. Tra le possibili cause, un maggiore rischio di ipoglicemie e di aumento di peso, eventi che si osservano frequentemente in pazienti che assumono sulfaniluree o insulina.

via | Ansa

Foto da iStock

  • shares
  • Mail