Stress, anche bassi livelli danneggiano la salute

Lo stress psicologico può aumentare il rischio di sviluppare artrite, problemi cardiaci e malattie polmonari. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Stress

Anche bassi livelli di stress possono aumentare il rischio di sviluppare artrite, problemi cardiaci e malattie polmonari. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri del Southampton General Hospital, secondo cui lo stress è in effetti un importante fattore di rischio per lo sviluppo di condizioni come la broncopneumopatia cronica ostruttiva e altre condizioni di salute anche gravi. Per giungere a tale conclusione, gli esperti hanno esaminato un campione di 16.485 adulti britannici e li hanno seguiti per un periodo di tre anni.

Rispetto alle persone che non provavano sintomi di angoscia, le probabilità di sviluppare l'artrite erano del 57% maggiori per coloro che provavano bassi livelli di stress. Tali probabilità salivano al 72% nelle persone moderatamente stressate, e arrivavano al 110% in coloro che avevano livelli di stress molto più elevati.

I nostri risultati

spiegano gli autori dello studio, pubblicato sul Journal of Psychosomatic Research.

mostrano che anche bassi livelli di sofferenza, al di sotto del livello solitamente considerato clinicamente significativo, sembrano aumentare il rischio di sviluppare una malattia cronica. Quindi l'intervento per ridurre i sintomi di ansia e depressione può aiutare a prevenire l'insorgenza di queste malattie per alcune persone.

Lo stress, anche a bassi livelli, può aumentare anche il rischio di sviluppare malattie cardiache. Le persone che provavano bassi livelli di questa ben nota sensazione correvano un rischio maggiore del 46% rispetto a chi non era stressato. Tale rischio saliva al 77% per coloro che erano invece più stressati. Per coloro che registravano i livelli più alti di stress, il rischio arrivava addirittura al 189%.

Risultati simili sono stati osservati anche per la BPCO, vale a dire una condizione polmonare progressiva e molto spiacevole.

via | DailyMail

Foto da iStock

  • shares
  • Mail